breaking news

Agrigento, Panoramica dei Templi: chiesti interventi per strada e marciapiedi

marzo 13th, 2018 | by Redazione Scrivo Libero
Agrigento, Panoramica dei Templi: chiesti interventi per strada e marciapiedi
Politica
0

angelo-principatoCon una lettera aperta inviata al Sindaco di Agrigento, ai vertici del Parco Archeologico “Valle dei Templi” e all’ANAS, l’ex Consigliere Comunale di Agrigento Angelo Principato (in foto), ha chiesto interventi urgenti nel tratto di strada che collega con la Valle dei Templi.

“Nel mese di febbraio – scrive Principato – , l’A.N.A.S ha proceduto ad asfaltare la sede stradale che va dal parcheggio antistante la sede del museo archeologico “P. Griffo” fino all’incrocio sottostante il tempio di Ercole, utilizzando un asfalto color tufo che ben si sposa con l’ambiente circostante. Considerato che sta per approssimarsi la stagione estiva sulla città di Agrigento e la Valle dei templi è già oggi invasa dai turisti, con gli studenti delle scuole che vi giungono in gita scolastica; che il marciapiede del tratto di strada sopra indicato – quello fra il museo archeologico e la rotatoria sotto il tempio di Ercole – si trova in pessime condizioni, con il mattonato divelto ed in parte sconnesso, così che i turisti che vogliono percorrere a piedi il tragitto in questione subiscono gravi disagi, specialmente per le famiglie con figli piccoli in carrozzina e le persone diversamente abili, le quali peraltro non dispongono di passaggi attrezzati per l’attraversamento dei marciapiedi della “passeggiata archeologica”; che gli alberi prossimi al marciapiede in questione necessitano, per il decoro comune ed il rispetto paesaggistico, una adeguata potatura; che il marciapiede del tratto di strada fra la fontana di Bonamorone e il tempio di Giunone è incompleto; Tutto ciò premesso, si chiede l’urgenza della sistemazione dei marciapiedi sopra indicati con qualche ampliamento, la potatura degli alberi, nonché l’inserimento di luci al fine di poter godere anche di una passeggiata serale e di raggiungere le attività poste nel circondario senza il pericolo di essere travolti dalle macchine”, conclude Principato.

Comments are closed.