breaking news

Costruzioni, dimezzato il numero dei lavoratori ad Agrigento: crollano anche i prestiti

settembre 18th, 2017 | by Redazione Scrivo Libero
Costruzioni, dimezzato il numero dei lavoratori ad Agrigento: crollano anche i prestiti
Lavoro
0

confartigianato-lavoroDimezzato il numero dei lavoratori che operano nel settore delle Costruzioni ad Agrigento. Dal 2008 ad oggi gli occupati sono scesi da 15.321 a 7.300, oltre 8 mila in meno. Un calo del 52,4%. Una percentuale superiore alla media regionale. In Sicilia dal 2008 al 2016, gli occupati sono scesi del 44%.

È questo uno dei dati che emerso questa mattina nel corso del terzo appuntamento di Edilcassa Sicilia, organizzato per celebrare il ventennale della sua fondazione.
Un focus sullo stato di salute delle imprese artigiane di Agrigento, dal quale emergono dati allarmanti.

In Sicilia si rileva un tasso di occupazione irregolare per il settore delle Costruzioni (ovvero il ramo Edilizia più le imprese che si occupano di installazioni) pari al 
23,5%: superiore di 5,4 punti rispetto al tasso di irregolarità nazionale del 15,1%. Si stima che siano oltre mille le unità irregolari che prestano servizio nel comparto delle Costruzioni ad Agrigento.

Sempre sul fronte occupazione, in provincia di Agrigento nelle micro e piccole imprese con meno di 50 addetti delle Costruzioni, gli occupati sono 4.572, il 94,9% dei lavoratori totali (in Sicilia le Mpi occupano il 91,5% degli addetti). Sono 2.278 gli addetti nelle imprese attive artigiane delle Costruzioni ad Agrigento. Queste rappresentano il 47,3% del numero complessivo di occupati nel settore e 22% dei
10.338 addetti dell’artigianato della provincia.

In provincia di Agrigento le Mpi con meno di 50 addetti delle Costruzioni rappresentano il 99,8% delle imprese totali del settore.

“I dati che riguardano la nostra provincia fanno paura – ha detto questa mattina Alfonso Russo, presidente Confartigianato Agrigento –. Non possiamo pensare che le cose cambino se non facciamo qualcosa di diverso, bisogna innovarsi e cambiare mentalità. Una strada da percorrere potrebbe essere quella di fare rete. Ma abbiamo anche bisogno del sostegno della politica che deve farci uscire dalla crisi, aiutando ad esempio con sgravi fiscali le aziende che investono, o rendendo più accessibile l’accesso al credito”.
Il calo dei lavoratori è collegato anche al crollo delle imprese artigiane delle Costruzioni. Dal 2009 le imprese artigiane sono 481 in meno (-23,8%). Il calo più accentuato tra le nove province e più alto della media regionale (-19,0%).
Nel 2016 sono 186 le imprese artigiane delle Costruzioni gestite da giovani under 35, pari all’11,8% del totale.

Al II trimestre 2017 le imprese artigiane dell’Edilizia sono 1.130, il 34,6% delle imprese totali. Rispetto allo scorso anno si osserva una flessione del numero di imprese artigiane nel settore del -3,7% (> -2,8% della media regionale).

Un altro dato negativo che è emerso questa mattina riguarda il credito, con un crollo dei prestiti superiore al 20%.
A giugno 2017 in provincia di Agrigento il 9,6% dei prestiti alle imprese sono stati concessi alle imprese delle Costruzioni. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno i finanziamenti erogati alle imprese delle Costruzioni risultano in diminuzione del 21,5%. A marzo 2017 le sofferenze delle imprese delle Costruzioni incidono sugli impieghi del settore per il 45,5% (>41,5% rilevato a livello medio regionale).

Quasi dimezzato anche il dato che riguarda il valore aggiunto del settore che ammonta a 270 milioni di euro, pari al 7,6% di quello regionale. Rispetto a quello prodotto nel 2008 (anno pre-crisi), risulta più basso di 185 milioni di euro (-40,6%).

“C’è una crisi tremenda in tutta la Sicilia ma soprattutto nella nostra provincia – ha commentato oggi Francesco Giambrone, presidente Anaepa–Confartigianato Agrigento –. Il settore dei lavori pubblici qui da noi non esiste più. In passato non sono stati spese bene i soldi della comunità europea e adesso ne stiamo pagando le conseguenze. In tutta la provincia non si fanno costruzioni se non piccoli interventi di manutenzione”.

Oggi all’Hotel Belmonte (ex Traveggole), erano presenti anche Angelo Minì, presidente Edilcassa Sicilia, Francesco Tarantino, vicepresidente Edilcassa Sicilia, Alfonso Vassallo, segretario Confartigianato Agrigento, Enrico Vetrano, presidente dell’ordine dei Consulenti del Lavoro, Alfonso Cimino, presidente dell’ordine degli Architetti, Dathan Di Dio, rappresentante Fillea-Cgil, Feneal-Uil, e Filca-Cisl. E ancora Antonio Vella (ex direttore Ispettorato del Lavoro di Agrigento), Salvatore Castellano (direttore Spresal Asp Agrigento) e il sindaco di Favara, Anna Alba.
Edilcassa è la cassa edile regionale per l’artigianato e le piccole imprese della Sicilia. Celebrando il ventennale della fondazione, ha come obiettivo quello di far conoscere la cassa a tutte le imprese edili artigiane presenti sul territorio regionale.

Lascia un commento