fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Agrigento, celebrato il 70° anniversario dalla nascita del Panathlon

Per il 70° anniversario dalla nascita del Panathlon, il club di Agrigento ha voluto coinvolgere tutta la città, facendo proiettare sulla facciata della centralissima biblioteca comunale La Rocca, il logo del club con il riferimento alla storica ricorrenza. Era il 12 giugno 1951 quando Mario Viali decise di mettere le basi a un dialogo fondato sulla passione sportiva con alcuni amici e rappresenti di varie discipline.
Li convocò a Venezia ad un “disnar sport” mutuando la formula conviviale dai Club service. Risposero in 24 e nacque l’embrione del Panathlon International, oggi presente in quattro continenti e ventisette nazioni con poco meno di 300 Club e diecimila soci. La convivialità servì come richiamo per favorire le relazioni umane, l’unione e la condivisione di idee e iniziative ma fu presto sormontata da obiettivi assai più elevati. Il motto “ludis jungit” indicò subito la comunione di intenti e valori espressi dallo sport. Nel 1955 il socio Domenico Chiesa propose un affondo ancora più significativo con il nome di “Panathlon” con il quale si superò la dimensione del Club service per proiettare quell’idea nel firmamento olimpico, accomunando tutti gli sport.
Il Panathlon International oggi è riconosciuto dal C.I.O. e porta il suo contributo di idee e valori all’interno della commissione per la cultura e lo sviluppo dell’ideale olimpico. Parimenti, in ogni Stato in cui il Panathlon è presente viene riconosciuto dai Comitati Olimpici nazionali come ente benemerito.
La sua missione è trasversale alle discipline e agli eventi dello sport, attività non marginale ma fondamentale per l’educazione dei giovani e per la costruzione di una società fondata su valori etici e morali duraturi.
L’agonismo sempre più spinto, i pesanti condizionamenti economici e finanziari, le devastazioni fisiche e morali causate dal doping, le infiltrazioni malavitose con il fenomeno dei match-fixing, proiettano in prima fila il ruolo del Panathlon International come sentinella e presenza di contrasto etico e morale.
Per contro, al centro della missione panathletica vi sono la costruzione di fondamenta sicure per i giovani riconoscendo loro l’accesso allo sport come diritto naturale, in particolare per i più svantaggiati.
Una missione che sul territorio viene portata avanti dai soci del club Agrigento che proprio nei giorni scorsi hanno incontrato il commissario al Libero consorzio fra Comuni, ex Provincia, al quale è stato chiesto di sottoscrivere la Carta di Gant sull’etica dello sport giovanile. E sabato sera il direttivo del Panathlon Agrigento, con in testa il presidente, prof. Gerlando Amato, insieme a una folta delegazione dei soci, ha voluto partecipare all’accensione dell’illuminazione del monumento, proprio per dare un segnale concreto dell’impegno reale del Panathlon Agrigento verso l’etica dello sport anche nel nostro territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.