fbpx
Politica Regioni ed Enti Locali

Agrigento, elezioni amministrative 2020. Miccichè: “avviata la macchina del fango”

“Agrigento si conferma, ancora una volta, una città difficile anche da servire”.

Lo afferma il candidato Sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, che aggiunge:

“Non è passato infatti molto tempo dalla mia decisione di candidarmi a sindaco, che subito qualcuno, facilmente individuabile, forse preoccupato della mia candidatura e dal mio impegno, ha pensato bene di reagire nel modo più becero e pusillanime possibile, mettendo in giro immagini manipolate. Un’azione indegna che offende contemporaneamente e in malo modo sia la mia persona che quella di tanti altri. Primo fra tutti l’on. Di Mauro, la seconda carica dell’Assemblea Regionale Siciliana. Io non credo di meritare questa gratuita e umiliante insinuazione! Mi chiedo piuttosto come mai fino alla ufficializzazione della mia candidatura a sindaco di Agrigento ero un bravo medico e una persona perbene e subito dopo sono scattate infamanti accuse e insinuazioni. Evidentemente questa candidatura a qualcuno poco corretto non piace e reagisce in questo modo becero: insinuando e offendendo. Ma forse lui stesso non sa che non siamo stati solo noi due a venire offesi in questo modo vigliacco. La macchina del fango che si è appena messa in moto, infatti, colpisce indirettamente e probabilmente anche inconsapevolmente anche gli altri parlamentari regionali e nazionali che hanno deciso di sostenere la mia candidatura. Per non parlare dei tanti rappresentanti del mondo delle professioni che hanno appoggiato direttamente la mia campagna elettorale mettendoci la faccia”.

“Ma tutto questo evidentemente ancora non è conosciuto dai gestori della macchina del fango che hanno come unica informazione quella dell’appoggio dell’on. Di Mauro.
Ma costoro devono sapere che la mia candidatura è autonoma e che le loro offese telematiche sono già state oggetto di denuncia alle competenti autorità che ormai hanno tutti i mezzi per risalire all’autore che verrà INDIVIDUATO e reso noto. La scelta di rivolgersi alle istituzioni è stata condivisa da tutto il gruppo che mi sostiene in questa campagna elettorale e che, non avendo nulla da temere, vuole che la legge e la giustizia facciano la loro parte. Se il vostro scopo è quello di impaurirmi e spingermi a tirarmi indietro, allora devo deludervi. E’ proprio il contrario. Quello che avete fatto mi fa capire che c’è bisogno della mia discesa in campo. C’è bisogno di persone oneste e perbene che s’impegnino in prima a protezione della città e degli agrigentini”, conclude Miccichè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.