fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali

Agrigento, giovane trovato morto a Punta Bianca: l’autopsia potrà svelare il “giallo”?

auto-drasySembra ancora essere un vero mistero la morte del giovane 30enne Nicolò Conti, trovato fra i canneti nei pressi di Punta Bianca.

Continuano a tutto campo le indagini per stabilire cosa abbia provocato la morte del giovane agrigentino e soprattutto capire da quanto tempo il corpo giacesse fra i canneti prima de rinvenimento.

Gli investigatori hanno iniziato ad ascoltare parenti e amici per cercare indizi utili per concentrare le indagini. elementi utili verranno sicuramente dagli esiti dell’esame dell’autopsia che verrà effettuata sulla salma dal medico legale incaricato dal sostituto procuratore titolare del fascicolo di inchiesta, Simona Faga.

Un malore, un suicidio, una morte accidentale? Ipotesi che al momento restano aperte e sulle quali non vi è ancora nessuna certezza. Nicolò, secondo alcune ricostruzioni ancora tutte da verificare era solito allontanarsi da casa per qualche giorno. Solo dopo la denuncia di scomparsa da parte dei familiari, l’allarme che ha subito ricondotto gli investigatori al “giallo” della Panda Rossa “incastrata” in contrada Drasy da oltre tre settimane. Auto intestata alla stessa madre del giovane e che inizialmente non aveva fatto insospettire più di tanto.

Sarà dunque l’autopsia a chiarire alcuni dettagli e svelare, si spera, il mistero della morte del giovane 30enne agrigentino.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.