fbpx
Apertura Cronaca

Agrigento, incidenti alla rotonda della “Strada degli Scrittori”: vertice in Prefettura per aumentare la sicurezza stradale

Si è svolta ieri mattina in Prefettura una riunione dedicata all’esame della sicurezza stradale sul tratto di strada statale 640 nella zona della rotonda “degli Scrittori”, in territorio del Comune di Agrigento.

Alla riunione, presieduta dal Prefetto – assistito dal Capo di Gabinetto, hanno preso parte il Questore, il Comandante della locale sezione della Polizia Stradale, i rappresentanti dell’ANAS e dei Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

L’opportunità di approfondire l’argomento della sicurezza sul tratto in questione è emersa in relazione ai sinistri occorsi che, pur non costituendo in assoluto un dato allarmante, includono anche un incidente mortale.

In effetti, nel tratto considerato la carreggiata si restringe da quattro a due corsie e quindi si apprezza la funzione deterrente della rotatoria rispetto al rischio di impatti frontali.

Alcuni fattori oggettivi, come la natura del terreno, e soggettivi, come la distrazione dei conducenti, hanno via via suggerito l’adozione di iniziative per il contenimento del rischio d’incidente, soprattutto in corrispondenza della direzione di marcia proveniente da Caltanissetta.

Tutti i partecipanti hanno convenuto sull’opportunità di incrementare tali iniziative attraverso il potenziamento, con altre luci a led, della cartellonistica verticale già esistente e l’installazione di un nuovo cartello luminoso a messaggio variabile; inoltre, l’ANAS prenderà in considerazione la possibilità di collocare, fin dalla distanza di un chilometro dalla rotatoria, segnali di avviso ad impatto visivo ancor maggiore.

Resta, comunque, fondamentale la corretta impostazione di guida, che garantisca lo scrupoloso rispetto delle norme del Codice della strada; si raccomanda, quindi, a tutti i conducenti la massima attenzione ed una condotta al volante pienamente rispettosa dei limiti di velocità, imposti in quell’area proprio a tutela della sicurezza di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.