fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, insediato il nuovo Procuratore della Repubblica, Luigi Patronaggio

tribunale agrigentoInsediato oggi il nuovo Procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio (in foto), 57 anni di Palermo, che torna nella città dei Templi dopo 8 anni dove era stato a capo dell’ufficio Gip e presidente del maxi processo “Akragas”.

Patronaggio, ha preso il posto di Renato Di Natale, che dallo scorso primo agosto è andato in pensione. In attesa dell’insediamento di oggi, l’ufficio della Procura è stato guidato dall’aggiunto Ignazio Fonzo che nel corso della cerimonia di oggi ha esaltato le qualità del neo procuratore, esprimendo un sentimento di felicità per il suo arrivo dove troverà un Ufficio altamente competente e capace. “Il Csm ha fatto la migliore scelta possibile per Agrigento” ha poi sottolineato l’aggiunto Ignazio Fonzo.

Un compito importante aspetta Patronaggio dopo l’ottimo lavoro svolto dalla Procura agrigentina in questi anni, che si è contraddistinta sopratutto nel contrasto ai reati contro l’immigrazione clandestina, l’abusivismo edilizio e i reati contro la pubblica amministrazione.

Luigi Patronaggio, nel suo discorso ha voluto ricordare la figura di Rosario Livatino, “magistrato che ha prestato servizio in questo Ufficio e che ha insegnato il modo di essere magistrato; lontano dai clamori, lontano dalle appartenenze politiche”.

Alla cerimonia di insediamento, presenti tutte le alte cariche militari, istituzionali e civili della provincia. Presenti anche il procuratore generale di Palermo, Roberto Scarpinato; il procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari; il sostituto procuratore generale di Palermo, Anna Maria Palma, il procuratore aggiunto di Palermo, Dino Petralia e il procuratore aggiunto di Agrigento, Ignazio Fonzo, il presidente di Anm di Palermo, Matteo Frasca. A fare gli onori di casa il presidente del Tribunale di Agrigento, Piero Falcone alla presenza del Prefetto di Agrigento, Nicola Diomede.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.