fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Agrigento, la Polizia di Stato incontra gli studenti del Liceo “Leonardo”

Nella mattinata di ieri, giovedì 26 ottobre, ad Agrigento la Polizia di Stato ha incontrato gli studenti e i docenti della scuola superiore liceo scientifico Leonardo, presente anche la preside prof. Ierna Enza.

L’incontro, concordato preventivamente da una intesa tra questore di agrigento Maurizio Auriemma e provveditorato agli studi, ha dato l’avvio ad una serie di successive analoghe manifestazioni in cui i funzionari della questura illustrano agli studenti tematiche di particolare interesse ed attualità. Nell’incontro di oggi, tenuto dal vicario Giuseppe Peritore, sono stati affrontati i temi della necessità di contrastare mentalità mafiose e rafforzare la cultura della legalità.

In particolare, sono state approfonditi altri argomenti inerenti l’affermazione del principio di legalità come la prevenzione all’uso e all’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, il contrasto al bullismo alla luce delle recenti novità normative in materia di cyber bullismo e il rispetto del codice della strada per prevenire incidenti stradali, argomento a cui ha contributo anche il dirigente della sezione polizia stradale.

L’incontro, inoltre, è stato arricchito dal contributo del personale Asp di agrigento che si è soffermato sugli aspetti psicologici connessi all’uso delle droghe. A conclusione, al fine di contrastare i fenomeni indicati, è stata illustrata la nuova applicazione Youpol, dove i giovani possono segnalare, anche in forma anonima, episodi di spaccio di sostanze stupefacenti e bullismo.

Sono in calendario nei prossimi giorni altri incontri in tutte le scuole della provincia in cui il questore Maurizio Auriemma fornirà agli studenti altre tematiche sul principio di legalità, nell’ambito dell’applicazione del principio di prossimità e vicinanza alla società civile ed al mondo scolastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.