fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Agrigento, la “prima” al Teatro Luigi Pirandello con “Antigone” di Sofocle

Sarà “Antigone” di Sofocle, con Sebastiano Lo Monaco e Barbara Moselli, per la regia di Laura Sicignano, ad aprire sabato 30 novembre, alle 21, la stagione di prosa 2019/2020 del Teatro Luigi Pirandello di Agrigento.

In occasione della replica di domenica 1 dicembre, alle 17, 30, il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto consegnerà un riconoscimento della Città al Direttore artistico, Sebastiano Lo Monaco.

La storia di “Antigone” ha inizio all’indomani di una guerra civile. Creonte, re di Tebe, deve riportare la pace tra le macerie attraverso un editto: il sovrano condanna a rimanere insepolto il cadavere di Polinice, uno dei fratelli contendenti.
Si oppone a questo una giovane, Antigone, senza odio personale, in nome di una giustizia umana che precede e supera le leggi. Creonte e Antigone si fronteggiano in enormi solitudini, a costo di perdere ogni felicità.
Antigone, così, piangente sul corpo del fratello, celebra il rito e diventa pericolosamente anarchica.

“La scelta di Antigone – scrive la Sicignano nelle note di regia- mi appare necessaria qui e ora: affrontare il mito in una terra, la Sicilia , che si è nutrita di grecità e che si dibatte quotidianamente tra potere e strapotere, ribellione e anarchia, eroi del bene e del male, fiera di un’identità frutto di una stratificazione di popoli. Per riflettere su questi temi e renderne l’universalità, miei primi compagni di viaggio saranno un attore siciliano di tradizione classica, Sebastiano Lo Monaco, nei panni di Creonte, contrapposto ad un’Antigone, – Barbara Moselli, che pur provenendo da una scuola classica, si è mossa spesso nei teatri di frontiera. Accanto, attori concreti e creativi, capaci di padroneggiare corpo e parola, provenienti dalla Sicilia, ma con esperienze nazionali alle spalle. Il testo viene asciugato, l’azione e la relazione sono privilegiate rispetto alla dizione. La drammaturgia si intreccia con il suono e la musica dal vivo –conclude la regista”.

Alla fine dello spettacolo pomeridiano di domenica, dicevamo, il Sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, consegnerà a Sebastiano Lo Monaco, direttore artistico della rassegna, un prezioso riconoscimento della città al direttore artistico siracusano.
Lo Monaco, infatti, negli anni, ha saputo intercettare i gusti teatrali degli agrigentini, esprimendoli, poi, sul palcoscenico. Sotto la sua autorevole direzione artistica sono stati allestiti cartelloni indimenticabili che hanno portato in scena il meglio della ribalta nazionale.

Adesso il meritato riconoscimento per elogiare il suo impegno nella Città, cominciato nel luglio del 1992.

Luigi Mula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.