fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, parte la campagna “Via Atenea pulita anche la notte”

via atenea rifiuti“Via Atenea pulita anche la notte”. Parte con questo slogan, la nuova campagna delle imprese Iseda e Sea, per provare a mantenere più pulita anche durante le ore notturne, la via Atenea.

L’aumentata presenza di locali di ristorazione, pub, ristoranti e bar, infatti, se da un lato sta ripopolando la zona, dall’altro, a causa del mancato rispetto degli orari di deposito dei rifiuti da parte degli esercenti, fa in modo che l’intera area, al mattino, si “svegli” piena di spazzatura sparsa sui marciapiedi e lungo la strada, per l’intervento notturno di cani randagi.
In sostanza, è stato riscontrato e documentato attraverso fotografie e filmati, che tutte le notti, alla chiusura dei locali, la maggioranza dei commercianti, anziché riempire i sacchi o i contenitori dei rifiuti accumulatisi, soprattutto di umido e porli all’interno dei locali per poi conferirli al mattino dalle 7 alle 9 come impone l’ordinanza n.117 dell’aprile 2009, accatastano i loro rifiuti o proprio davanti gli ingressi di bar e ristoranti o in aree come piazzetta Caratozzolo, facendole diventare delle piccole discariche a cielo aperto contravvenendo tutte le disposizioni in materia. Il risultato è che durante la notte, i cani ma a volte anche il maltempo, contribuiscono a fare in modo che al mattino, intere zone della via Atenea, si sveglino invase da rifiuti alimentari, piatti e bicchieri di plastica e ogni genere di spazzatura di tipo alimentare.
“A nostro avviso – spiega l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi – occorre che il Comune, magari insieme alle imprese, predisponga un piano alternativo all’ordinanza che viene comunque, ed è evidente, disattesa. Si è capito ormai che sono pochissimi coloro che si attengono alla norma e depositano i rifiuti fuori dai locali dalle 7 alle 9 del mattino quando passano i nostri mezzi. Quello che si potrebbe fare, è predisporre l’utilizzo di appositi contenitori di plastica rigida muniti di coperchio all’interno dei quali mettere i rifiuti, specie quelli organici, in modo che al mattino, quando passano gli operatori ecologici, possano essere svuotati e rimessi all’interno dei locali per essere utilizzati la sera o la notte successiva”.
L’alternativa, sarebbero controlli notturni sul rispetto dell’ordinanza del Comune ma, ovviamente, si tratta di qualcosa di difficilmente realizzabile.
“Noi come imprese – conclude Alongi – facciamo il nostro lavoro rispettando gli orari di raccolta e pulizia della strada ma abbiamo bisogno della collaborazione del Comune ma anche dei cittadini, in questo caso, degli esercenti commerciali. Solo insieme, si potrà risolvere la situazione e rendere più decoroso quello che in passato, era definito il “salotto buono” della città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.