fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Agrigento, pronto lo spazio espositivo ricavato nell’ex Chiesa Santa Sofia

firetto diretta livePer quasi due secoli, a decorrere dalla costruzione del teatro comunale – racconta oggi lo storico Settimio Biondi – il locale semi-ipogeico che si affaccia sul chiostro dell’ex convento di San Domenico, è stato adibito a magazzino di ogni genere; da materiali cartacei a strumenti di lavoro fino a rimessa e deposito di oggetti vari“.

Ci sono voluti tre mesi di intenso lavoro per riuscire a liberare quello spazio dimenticato e oggi, finalmente, quel luogo suggestivo e un po’ misterioso è tornato ad essere fruibile.

Per iniziativa del sindaco Lillo Firetto (in foto) sarà quello il nuovo “Spazio espositivo Santa Sofia” con accesso a fianco dello storico teatro Luigi Pirandello.

In questo luogo, infatti, sostiene Biondi, sorgeva l’antichissima chiesa di Santa Sofia: “chiesa di cui conosciamo troppo poco, se non che era sede dell’antica omonima confraternita, ricostituita ai primi dell’Ottocento e destinata poi a scomparire definitivamente qualche decennio dopo. Probabilmente il luogo costituiva la base della chiesa o di un locale sottostante, qualora si volesse accedere all’ipotesi che la chiesa sia stata in passato raggiungibile dall’odierno vicolo teatro o da Piano Santa Sofia e non già che si aprisse ad ovest, con adito dall’agglomerato Montefreddo o Acqua Amara. Nei locali della chiesa, una volta sconsacrati e declassati e venuti in possesso del Comune, trovò sede il primo teatro di Girgenti storicamente documentato; quello gestito dalla famiglia dei Bonfiglio. Da questa esperienza partì poi il progetto di dotare la città di un teatro degno quale quello attuale”.

Un luogo che, per volere dell’Amministrazione, è stato volutamente mantenuto grezzo, con il tufo e la pietra a vista, per non alterare quelle che sono state le stratificazioni del passato. Inoltre è stato aperto un varco che consentirà l’utilizzo di un locale attiguo, anch’esso per lungo tempo in disuso.

Uno spazio antico e suggestivo – ha spiegato il sindaco Lillo Firetto – inspiegabilmente oltraggiato. Un recupero di bellezza!“.

Gli agrigentini, a partire da fine mese potranno finalmente visitare questi luoghi, sconosciuti ai più, e godere delle nuove installazioni artistiche dello scultore Giuseppe Agnello in una esposizione d’arte contemporanea che sicuramente stupirà e farà discutere il pubblico. Dunque d’ora in avanti ci sarà un motivo in più per visitare il palazzo San Domenico con il suo storico teatro Luigi Pirandello e la mini galleria d’arte che sta sorgendo nel nuovo ingresso agli uffici; quest’ultima grazie alle donazioni di diverse opere di artisti conosciuti a livello internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.