fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, questione rifiuti. La SRR ATO 4 contro la ditta Catanzaro: “costi insostenibili per i Comuni”

discaricaDeliberato all’unanimità dall’Assemblea dei Soci della SRR ATO 4 di respingere con forza le pretese da parte della ditta Catanzaro, gestore della discarica di contrada Matarana a Siculiana, di fare sottoscrivere una convenzione a tutti i Comuni per consentire il conferimento dei rifiuti.

“Tale convenzione – scrive in una nota il presidente della SRR Ato 4, Alfonso Sapia – prevede un costo di oltre 153 euro a tonnellata esclusi oneri accessori, assolutamente insostenibile per i Comuni e per la popolazione servita, stante che l’onere previsto risulta pressoché raddoppiato rispetto a quello precedentemente praticato, facendo notevolmente incrementare i costi, già eccessivi, del servizio di igiene ambientale”.

“In questo senso – continua Sapia – tutti i sindaci, ivi compresi i rappresentanti dei Comuni che, paventando un blocco del conferimento, così come minacciato dalla ditta Catanzaro, avendo già aderito a tale convenzione, esprimono unitariamente una posizione di contrarietà netta e decisa, respingendo tale ingiustificato aumento”.

“Diffidando, inoltre, la ditta Catanzaro a dare seguito alla minacciata chiusura della discarica, che comporterebbe per la popolazione gravissimi disagi di carattere igienico-sanitari, nonchè l’interruzione di un pubblico servizio che, infatti, in quanto tale, prevede un provvedimento regionale per l’individuazione del prezzo”.

“In questo senso -conclude Sapia – sono stati prontamente informati il Prefetto di Agrigento ed il Presidente della Regione Siciliana, affinchè ognuno, per la parte di rispettiva competenza, possa intervenire per dirimere la questione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.