fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, San Calogero: i “portatori” si dissociano da quanto accaduto domenica 5 luglio

L’Associazione dei portatori di San Calogero, unitamente al direttivo ed ai numerosissimi iscritti, rappresenta, da tantissimi anni, un valido punto di riferimento sui momenti principali della festa più amata dagli agrigentini.
Una antichissima festa che viene tramandata da generazione a generazione con fede e devozione alla quale gli agrigentini per la prima volta, causa covid 19, hanno dovuto rinunciare.
Ed infatti, uno dei rappresentanti dell’Associazione, ha partecipato, su delega, all’incontro con il Comitato per l’ordine e la sicurezza, presieduto dal Prefetto con la unanime decisione di sospendere tutte le celebrazioni e le manifestazione della festa di San Calogero.
“In virtù di tali premesse – afferma Salvatore Pedalino -, questa Associazione, intende dissociarsi pubblicamente dai fatti accaduti domenica scorsa 5 luglio allorchè alcuni tra i portatori responsabili (successivamente dimessi dalle rispettive cariche) hanno, autonomamente, preso parte al trasporto di una piccola statua del Santo, sulle spalle di alcuni bambini arrivata in Santuario.
Tale comportamento, suscitato dalla fortissima attrazione verso la piccola statua, non giustifica, in alcun modo l’atto che calpesta le indicazioni ricevute durante l’incontro in Prefettura.
Incontro e dialogo che l’Associazione intende mantenere con le massime istituzioni per affrontare e pianificare nei dettagli le iniziative sulla festa di San Calogero.
L’associazione informa, altresi, che nessuno tra i portatori iscritti e’ autorizzato ad indossare la casacca ufficiale per domenica prossima 12 luglio e/o partecipare a manifestazioni non autorizzate che violino l’inosservanza delle decisioni assunte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.