fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Agrigento, saranno realizzate le fermate S. Michele e Fontanelle lungo la linea ferroviaria Palermo-Agrigento

Saranno realizzate le fermate S. Michele e Fontanelle lungo la linea ferroviaria Palermo-Agrigento. Accolta la richiesta avanzata dal sindaco di Agrigento Francesco Miccichè. Il progetto rientra nell’ambito del processo di riprogrammazione delle risorse già certificate a valere sul Programma Operativo FESR Regione Siciliana 2014/2020 per la realizzazione dell’operazione “Raddoppio ferroviario Palermo Carini -Tratta B Notarbartolo – EMS/La Malfa”.

Dopo la stipula della convenzione con RFI, e gli incontri tecnici, l’assessorato Infrastrutture e Mobilità dell’Unione Europea ha concordato di destinare una quota delle risorse per la realizzazione delle due nuove fermate San Michele e Fontanelle lungo la linea ferroviaria Palermo – Agrigento, così come per altro auspicato recentemente dal Sindaco del Comune di Agrigento. “L’esecuzione delle due fermate ferroviarie – dice Miccichè – consegnerà al territorio agrigentino un servizio di trasporto più funzionale e moderno, e contribuirà al soddisfacimento della domanda di mobilità sempre più crescente di pendolari che individuano nell’utilizzo del treno il mezzo ideale per gli spostamenti di breve e medio raggio”. Al fine di ottimizzare i relativi servizi derivanti dalla realizzazione delle fermate, nell’ambito della prossima programmazione dei servizi di trasporto ferroviario (AQ RFI- Regione), sarà rappresentata la necessità di procedere ad una ristrutturazione dei servizi ferroviari consequenziali e funzionali alla realizzazione delle nuove fermate.

“Grazie alle richieste del Sindaco Franco Miccichè e dell’On.le Di Mauro, nel programma operativo Ferrovie dello Stato e Regione Siciliana per il raddoppio ferroviario Palermo Carini è stata prevista una quota per la tratta Agrigento Palermo per la realizzazione delle fermate di San Michele (Ospedale San Giovanni di Dio) e Fontanelle”. Lo afferma Valentina Cirino, vice presidente del Consiglio Comunale di Agrigento che aggiunge: “Le fermate che si andranno a realizzare consentiranno ai viaggiatori di utilizzare il treno per gli spostamenti di breve e medio raggio. Sarebbe auspicabile che nella prossima programmazione dei servizi di trasporto ferroviario tra Ferrovie dello Stato e Regione Sicilia si concordassero delle risorse per la realizzazione di un treno da destinare a metropolitana di superficie che collegasse il centro della città oltre che con l’Ospedale San Giovanni di Dio e Fontanelle, anche con la Valle dei Templi e con il Porto di Porto Empedocle. La nostra città sconta forti ritardi e carenze sul versante infrastrutturale rispetto la capacità di mettere in valore il complesso dei beni artistici e naturalisti presenti nel territorio. Con la metropolitana di superficie andremmo a valorizzare il turismo integrando anche un circuito meno conosciuto come la Casa di Pirandello con i nostri beni archeologici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.