fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, Teatro Pirandello: una stagione di grandi successi – VIDEO

aronica-firettoBilancio positivo quello dell’ultima stagione al Teatro Pirandello di Agrigento. Grandi spettacoli e soprattutto grandi consensi, non solo di pubblico ma da parte di critici e “addetti ai lavori”.

A testimoniarlo i numeri che oggi, nel corso di una conferenza stampa, sono stati resi pubblici dal Sindaco della città dei Templi, Lillo Firetto, dal direttore organizzativo Calogero Tirinnocchi e dai due protagonisti di questa stagione teatrale, il presidente e il direttore della Fondazione Teatro Pirandello, gli attori Gaetano Aronica e Sebastiano Lo Monaco.

Risultati difficili da riottenere, ma che hanno dimostrato come lo sforzo da parte di tanti “attori” hanno permesso di ottenere un cartellone ricco e di “spessore”.

L’obiettivo è quello di partire da quanto fatto fino ad oggi – sottolinea Sebastiano Lo Monacoe cercare di fare sempre meglio. Sappiamo che sarà difficile, ma ci proveremo

Su tutti l’opera teatrale “Vestire gli ignudi“, “orgoglio” agrigentino dello stesso Gaetano Aronica che, dopo il successo “nostrano”, sbarca sui più grandi Teatri d’Italia. E’ stato lo spettacolo dell’attore agrigentino, prodotto dalla Fondazione Teatro Pirandello, a raggiungere i maggiori incassi in quest’ultima stagione, e non solo. Frutto di tanto lavoro, ma sopratutto dedizione e amore di un agrigentino di nascita che ha voluto “scommettere” sul proprio territorio e su attori della provincia. Dietro lo spettacolo di Aronica vi sono “Classe di ferro” e “La scugnizza”.

Ad oggi abbiamo un mese pieno di repliche – afferma Gaetano Aronicae molti Teatri che non hanno potuto averci ci prenderanno la stagione successiva“.

Per quanto riguarda i conti, il 2016 e parte dell’anno 2017 hanno fruttato incassi alla Fondazione per 271.186 euro, dei quali 240 mila per attività teatrali e 31 mila per “altre” attività.

Abbiamo fatto una serie di spettacoli (22 ndr) – afferma Calogero Tirinnocchiche hanno fruttato 1462 abbonamenti fra matinée e serali. Abbiamo fatto uno sforzo enorme poichè abbiamo finanziato due opere frutto della Fondazione, che hanno riscosso enorme successo. Un investimento per il futuro, poichè l’indirizzo della Fondazione è quello di creare un organismo che sia in grado di produrre ricavi propri, indipendentemente dai contributi elargiti. Un esempio? Facendo circuitare gli spettacoli prodotti“.

Soddisfatto anche Sebastiano Lo Monaco che afferma: “Abbiamo più di mille abbonati giovani. Stiamo seminando degli alberi che cresceranno. Non è stata una stagione casuale, siamo andati nelle scuole a raccontare questo lavoro. Dentro il teatro si trovano emozioni che non si conoscono. Questa è la mia città adottiva“.

La condizione della Fondazione in passato la ricordiamo tutti – afferma il Sindaco Firetto -. Bisogna lavorare in una nuova logica e rispetto alla sostenibilità finanziaria, noi dobbiamo ragionare come una sorta di terzo polo fra Caltanissetta e Enna. Credo che il Teatro in questi due anni ha vissuto un crescendo di attenzione da parte del popolo agrigentino; lo dice la quantità di giovani presenti al Teatro e fatto di spettacoli a volte impegnati“.

(Guarda le videointerviste)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.