fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Agrigento: torna alla Valle dei Templi il “Festival delle Scienze”

festival-delle-scienzeGrande attesa per il ritorno del “Festival delle Scienze”. Dal 9 al 13 agosto, appuntamento davanti al tempio di Giunone che sarà il luogo in cui i più importanti scienziati italiani racconteranno le più recenti scoperte della ricerca scientifica internazionale.

Il festival è organizzato dall’associazione “Notte con le stelle”, con il sostegno del Parco archeologico di Agrigento.

Ancora una volta – anticipa Tommaso Parrinello, dirigente dell’agenzia spaziale europea e presidente dell’associazione “Notte con le stelle” – il festival sarà una festa della scienza rivolta a tutti, ma anche l’opportunità di incontrare decine di ricercatori e istituzioni nazionali che con i loro laboratori scientifici, simulatori, telescopi e un planetario astronomico offriranno ai visitatori un’esperienza unica”.

Il ritorno del festival delle scienze è sicuramente – afferma il direttore del Parco archeologico Giuseppe Parelloun fatto di grande rilevanza, per l’alto spessore culturale e scientifico di questa manifestazione, che nelle precedenti edizioni ha richiamato in tutte le serate un pubblico numerosissimo e attento”.

Del programma del festival fa anche parte l’evento la “Scienza in piazza” che si svolgerà, collateralmente, sempre dal 9 al 13 agosto, a Favara. Piazza Cavour, nel cuore della cittadina chiaramontana, ospiterà in appositi gazebo i laboratori scientifici con varie attività, dove adulti e ragazzi potranno sperimentare la scienza dal vivo grazie a divulgatori e animatori provenienti da tutta Italia.

L’evento si avvale del patrocinio dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Anna Alba, già al lavoro da qualche mese con il suo staff di collaboratori per assicurare all’iniziativa il massimo riscontro di pubblico e di interesse. “La scelta di Favara come sede della ‘Scienza in piazza’ – spiega Parrinello – è il riconoscimento dell’importante salto di qualità, in tutti gli ambiti della cultura, che ha caratterizzato la città negli ultimi anni e che trova in Farm Cultural Park, tra i tanti altri, uno degli esempi più significativi”.

La presentazione ufficiale del festival avrà luogo alla fine di luglio nel corso di una conferenza stampa alla quale interverranno il direttore del Parco archeologico Giuseppe Parrinello, il presidente dell’associazione “Notte con le stelle” Tommaso Parrinello ed il sindaco di Favara Anna Alba.

ECCO IL PROGRAMMA. Mercoledì 9 agosto: “La Scienza in valigia”, spettacolo scientifico a cura di Marco Santarelli; “Tecniche scientifiche di investigazioni”, a cura di un ufficiale Ris dell’Arma dei carabinieri. Giovedì 10, Esopianeti: Amedeo Balbi – Università di Tor Vergata, Cronache da altri mondi – Antonio Maggio di Inaf Osservatorio Palermo, Pensare altri mondi – Alfonso Maria Iacono, Università di Pisa. Venerdì 11, Il respiro dell’universo – Luigi Pulone – Inaf Osservatorio di Roma, Cosmologie delle alte energie – Corrado Trigilio e Salvatore Scuderi – Inaf Catania, La transizione energetica – Emilio Sassone Corsi – Ad di Glass to Power. Sabato 12, E se due forme di vita si incontrassero? – Edoardo Boncinelli – San Raffaele di Milano, Medicine e bugie-Salvo di Grazia – medico, divulgatore. Domenica 13, Nanni Bignami, un grande protagonista dell’astrofisica italiana-Patrizia Caraveo – Inaf MIlano, Marte, le missioni spaziali e la ricerca della vita oltre la terra – Roberto Orosei – Inaf Bologna.

“La scienza in piazza”: laboratori scientifici – piazza Cavour Favara, dalle 20,30 alle 24.

Attività, giochi e laboratori interattivi per sperimentare con ragazzi (e adulti) la scienza dal vivo con divulgatori e animatori scientifici provenienti da tutta Italia; i laboratori scientifici saranno allestiti da Inaf, Esa, Asi, Aeronautica militare italiana, Fosforo, Sofos, Acs, Arma dei carabinieri; simulatore delle frecce rricolori a cura dell’Aeronautica militare italiana; planetario di 50 posti a cura dell’associazione “Esploriamo Insieme”; osservazioni del cielo con telescopi a cura dell’osservatorio astronomico di Palermo e del museo dello spazio di Palermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.