fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Al poeta licatese Lorenzo Peritore il Premio ASAS

il-poeta-licatese-lorenzo-peritoreAncora un prestigioso riconoscimento al poeta dialettale licatese Lorenzo Peritore (in foto a sinistra). Sabato 27 maggio 2017 nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina, è stato assegnato un riconoscimento speciale che la Giuria della 5^ Edizione del Premio A.S.A.S (Associazione Siciliana Arte e Scienza) per la poesia in vernacolo: “Tirrimotu”.

“Non mi è stato possibile essere presente –ha scritto Lorenzo Peritore in un post sul suo profilo Facebook – ma ho rimediato grazie alla gentile e totale disponibilità di mio cugino Giuseppe Avena, che ad onor del vero all’Università di Messina è di casa in quanto vi insegna Scienze Statistiche, che mi ha ben rappresentato e mi ha ritirato la targa.Un sincero ringraziamento, oltre che a mio cugino, va ovviamente anche alla Giuria del Premio A.S.A.S. che tale riconoscimento ha voluto assegnarmi”.

Lorenzo Peritore, autore di due libri di poesie, ha vinto numerosi riconoscimenti a livello nazionale e regionale.
Ecco il testo della poesia con cui Lorenzo Peritore ha vinto il Premio A.S.A.S.
T I R R I M O T U
Na notti comu tanti,
u cielu cinu i stiddi,
dorminu a sonnu n’cinu,
patri, matri e picciliddi.
U paisi dorma tuttu
aspittannu arrè dumani,
mmenzu i strati forsi svegli
cocchi m’briacu e cocchi cani.
E mentri tutti dorminu,
succeda intra un mumentu
ca a natura s’arribbella
e i piglia a tradimentu.
Nu bottu comu un tronu,
a terra s’arrimina,
arriva u tirrimotu
e fa carnificina.
Palazzi, Ciesi e casi
dintra un nenti sdirrubbati,
ranni, vecci e nnuccintuzzi
tutti quanti arrivucati.
Subitu u scappa scappa
di co è ca sarvà a peddi
e ogn’unu si diriggia
mmenzu a ciazza e ni vaneddi.
Poi a cursa contra u tempu
ca ti lassa scienza sciatu
ca spiranza di sarvari
co è ca vivu è arrivucatu.
Dopu c’è l’attra cursa
ca tanta genti fa
pi purtari u propriu aiutu
e a solidarietà.
Partinu dunni eggiè,
d’ogni postu e ogni paisi,
i ricanusci a corpu
pirchì portinu i divisi.
Arrivinu carricati
di robi e di mangiari,
ma chiddu ca t’emoziona
è amuri ca sannu dari.
Sunnu angili custodi
ca fannu volontariatu
pi putiri sopperiri
a chiddu ca un fa u Statu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.