fbpx
Regioni ed Enti Locali Salute Spalla

Arriva l’esito sperato: è libero dalla leucemia il bambino ungherese di soli due anni curato con cellule staminali provenienti dalla Banca del cordone ombelicale di Sciacca

Sono stati in tanti ad aver manifestato un forte coinvolgimento emotivo per la vicenda del piccolo paziente ungherese di soli due anni colpito da leucemia ed in procinto di ricevere un trapianto di cellule staminali provenienti dalla Banca del cordone ombelicale dell’ospedale di Sciacca. Oggi, per tutti quelli che sono rimasti in attesa di conoscere l’esito della procedura, è il tempo di gioire e di tirare un sospiro di sollievo: il bimbo adesso sta bene e, a seguito di un recente controllo, è risultato libero da malattia. L’esito positivo dell’iter di trattamento si evince dal report semestrale redatto da “Eurocord”, l’organismo internazionale che analizza gli outcome trapiantologici, e rappresenta il frutto di un ponte sanitario che ha idealmente collegato Sciacca a Budapest per salvare la giovanissima vita. Nello scorso mese di ottobre dalla Banca del cordone ombelicale del “Giovanni Paolo II” è partito il prezioso carico fatto di cellule staminali provenienti da sangue cordonale crioconservate presso la struttura saccense diretta dal dottor Pasquale Gallerano. La sacca, donata da una mamma siciliana, è stata immediatamente resa disponibile dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento e grazie alla stretta collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti, il Centro Nazionale Sangue ed il Registro Nazionale IBMDR dell’Ospedale Galliera di Genova, è stata recapitata in Ungheria per le successive fasi. “Il buon esito della procedura – afferma il commissario straordinario ASP, Mario Zappia – ci riempie di gioia per il ritrovato benessere del piccolo e dei suoi familiari. E’ al contempo motivo di soddisfazione per l’efficienza dimostrata dalla Banca cordonale saccense, un vero patrimonio salvavita che supera i confini nazionali. Da oggi, è il caso di dirlo, le città Budapest e Sciacca sono legate da un cordone ombelicale che esce dalle suggestioni della metafora e diviene reale e concreto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.