fbpx
Rubrica legis non est lex

Benefici per i familiari delle vittime della mafia: condannato Ministero dell’Interno

Il sig. D.S., agrigentino, figlio dell’ex guardia giurata deceduta, nel 1991, nel corso di una tentata rapina ad un furgone portavalori per il quale stava effettuando il servizio di scorta, a seguito dell’accertamento della matrice mafiosa del suddetto omicidio, aveva ottenuto, per se ed i suoi familiari, la concessione, da parte del Ministero dell’Interno, dei benefici previsti dalla normativa in favore dei familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

Successivamente, lo stesso chiedeva la concessione degli ulteriori benefici assistenziali previsti dalla legge; istanza che, tuttavia, nel 2013, veniva respinta dal Ministero dell’Interno che, contestualmente, disponeva la sospensione immediata – e poi la successiva revoca – anche dei benefici e dell’assegno vitalizio in precedenza concessi sul presupposto dell’asserita insussistenza in capo allo stesso dei requisiti soggettivi previsti dalla legge e, in particolare, la non estraneità del sig. D.S. ad ambienti delinquenziali.

Quest’ultimo, allora, assistito dagli avv.ti Girolamo Rubino e Mario La Loggia, decideva di proporre ricorso giurisdizionale al fine di ottenere l’accertamento del suo diritto all’erogazione dell’assegno vitalizio e degli altri benefici già in precedenza goduti e, per l’effetto, la condanna del Ministero alla loro corresponsione, previa disapplicazione e/o annullamento dei suddetti provvedimenti di diniego e di revoca.

In particolare, gli avv.ti Rubino e La Loggia, censuravano l’operato dell’amministrazione, lamentando l’ingiustizia del mancato riconoscimento, in favore del ricorrente, dei benefici previdenziali ed assistenziali richiesti e riconosciuti per legge in favore dei familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, attesa l’assoluta estraneità dello stesso alla vita malavitosa.

Il Tribunale di Palermo, in funzione di Giudice del Lavoro, in pieno accoglimento delle doglianze formulate dai difensori del sig. D.S., gli avvocati Girolamo Rubino e Mario La Loggia, previa disapplicazione dei decreti ministeriali impugnati, ha dichiarato il diritto del sig. S.D. ad ottenere l’elargizione dell’assegno vitalizio e degli ulteriori benefici assistenziali, condannando, per l’effetto, il Ministero convenuto ad erogare i relativi benefici.

La superiore sentenza è stata, da ultimo, confermata dalla Corte d’Appello di Palermo, sezione controversie

di lavoro, previdenza ed assistenza che, così definitivamente pronunciandosi sulla vicenda, ha respinto il ricorso in appello proposto dal Ministero dell’Interno avverso la sentenza di primo grado, condannando altresì l’Amministrazione appellante anche al pagamento delle spese del giudizio.

Per effetto della suddetta pronuncia, dunque, il sig. D.S. potrà finalmente ottenere l’elargizione dei benefici previdenziali ed assistenziali riconosciuti dalla legge a chi, come lui, ha subìto incolpevolmente la perdita di un proprio caro per mano della criminalità organizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.