fbpx
Italia

Beni confiscati alla mafia: si consegnano i primi immobili anche nell’agrigentino

postiglioneSono 24 i comuni beneficiari degli oltre duecento beni, tra immobili e terreni, confiscati alla mafia e pronti per essere consegnati per far fronte all’emergenza abitativa e a diversi fini sociali.

Il direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati e confiscati alla mafia, il prefetto Umberto Postiglione (in foto), ha così destinato i beni per seconde finalità a comuni della provincia di Catania, Ragusa, Siracusa, Messina, Agrigento, Caltanissetta ed Enna. 

Nell’agrigentino 2 beni andranno al comune di Canicattì: un terreno di 23.842 metri quadrati confiscato a Salvatore Failla e da destinare al Consorzio legalità e sviluppo; ed un magazzino, in via Kennedy, confiscato all’ex deputato regionale Vincenzo Lo Giudice. La lista comprende anche due appartamenti ad Agrigento ed un fabbricato nel Comune di Ribera.

In totale sono undici i beni confiscati in Sicilia, che entreranno a far parte del patrimonio dello Stato, e che dopo l’intervento del prefetto Postiglione potranno tornare ala legalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.