fbpx
Apertura Cronaca

Canicattì, “provocò la morte di un uomo dopo averlo preso a pugni”: chiesta condanna per 29enne

E’ con l’accusa di omicidio preterintenzionale che è stata chiesta dal pubblico ministero la condanna a otto anni e otto mesi di reclusione per un giovane 29enne finito a processo poiché ritenuto responsabile di avere causato la morte del padre di un amico colpendolo con pugni al volto.

I fatti risalgono all’agosto del 2015, quando il giovane incontrò il figlio della vittima e suo amico per dirimere un contrasto precedentemente nato. Il padre dell’amico intervenne ricevendo così i pugni del 29enne e poco dopo morì.

Inizialmente non fu provato il nesso fra i pugni e la morte dell’uomo, facendo così finire nei guai il 29enne per lesioni aggravate; solo successivamente scaturì l’accusa di omicidio preterintenzionale poiché ulteriori accertamenti medici avrebbero fatto evincere un nesso fra i colpi ricevuti dall’uomo e il successivo decesso avvenuto probabilmente a causa dell’“increzione di ormoni catecolaminici che sviluppava una sindrome coronarica acuta”.

Il processo si sta svolgendo con il rito abbreviato. Prossima udienza l’8 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.