fbpx
Regioni ed Enti Locali

“Scoppia” il Carcere di Agrigento: 388 detenuti su una capienza di 276

Toga-toghe-avvocatoLa situazione delle carceri in Sicilia è stata ed è ancora al limite della vivibilità.

E’ quanto emerge dal bilancio fatto relativo all’amministrazione della giustizia dal 1° luglio 2015 al 30 giugno 2016 del presidente reggente della Corte di Appello di Palermo, Matteo Frasca, che, durante l’apertura del nuovo anno giudiziario, fa uno spaccato di ciò che sono gli istituti penitenziari nella nostra regione:

Al 30 giugno 2016 era pari a 2.629 il totale dei detenuti presenti negli otto istituti che operano nel distretto, di cui 87 donne, 538 stranieri, 432 tossicodipendenti. La popolazione carceraria del distretto si mantiene dunque sostanzialmente sugli stessi livelli del periodo precedente (al 30 giugno 2015 si registrava un totale di 2.649 detenuti), comunque sempre al di sotto del limite ufficiale della capienza regolamentare complessiva dei suddetti otto istituti, oggi pari a 2.690 posti”.
Il dato complessivo, tuttavia, non conforta – sottolinea Matteo Frasca – se si considera che solo la casa di reclusione di Palermo Ucciardone ospita un numero di detenuti sensibilmente inferiore alla capienza (333 su 572), mentre sono più d’uno, fra gli istituti in parola, quelli in cui risulta significativamente sforato il predetto limite, (in sé comunque scarsamente affidabile, al pari di quello relativo alla ricettività regolamentare, poiché entrambi determinati dall’amministrazione con riguardo a situazioni preesistenti delle strutture, verosimilmente evolutesi nel tempo in senso peggiorativo). Così è, in particolare – aggiunge Frasca -, per le case circondariali di Agrigento (con 388 detenuti, su una capienza pari a 276, alla data del 30 giugno 2016), di Castelvetrano (con 67 detenuti su una capienza pari a 44), di Termini Imerese (con 106 detenuti su una capienza pari a 87), di Palermo-Pagliarelli (con 1.226 detenuti su una capienza di 1.178). In più, in molti degli istituti citati, all’eccesso di presenze si uniscono tutte le gravi criticità legate alla vetustà degli edifici e degli impianti. In questo quadro meglio si comprendono le ragioni per cui siano state descritte come non soddisfacenti le condizioni di vita che si registrano nelle nostre carceri – conclude -. Condizioni di vita, che, mentre compromettono la finalità rieducativa della pena (vanificando la ragione stessa dello stato di restrizione), inevitabilmente producono un clima diffuso di tensione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.