fbpx
Politica

Cassa integrazione in deroga, Sodano (M5s): “ennesima violenza sui lavoratori siciliani da parte della Regione”

“Sapete perché in Regione Sicilia ci sono il triplo dei dipendenti della Regione Lombardia? E sapete perché nonostante tutte queste risorse non sono neanche in grado di elaborare in tempi ragionevoli la cassa integrazione in deroga?”

Lo afferma il deputato nazionale del M5s Michele Sodano che aggiunge: “La risposta è drammatica ed è la ragione per cui la nostra Sicilia, invece di essere l’economia più forte del Mediterraneo, è un cimitero economico che ha costretto centinaia di migliaia di giovani (me compreso) a emigrare. In Sicilia la meravigliosa politica del centrodestra ha messo nei posti di responsabilità migliaia di amici, parenti e amici degli amici, la meravigliosa politica del centrodestra si è garantita la continuità in 30 anni perché ha tessuto in comuni e province una rete clientelare che neanche l’Impero di Guerre Stellari”.

“Se sono profondamente incazzato io, immagino quei 130mila lavoratori dipendenti che ad oggi aspettano la cassa integrazione in deroga e che assistono allo spettacolo impietoso di chi chiede 10 euro di bonus a pratica conclusa. Come se ricevere uno stipendio non fosse abbastanza per gratificare il lavoro che si è chiamati a svolgere. A Roma, trovare i soldi per la cassa integrazione per ogni azienda e lavoratore, è stato il nostro primo pensiero, non posso accettare che oggi sia bloccata negli uffici della regione per inadeguatezza e impreparazione. Adesso devono partire le indagini, stiamo preparando interrogazione al Ministro Catalfo in merito. No, non dirò ancora, mi raccomando rivotateli, questi competenti del centrodestra che da sempre fanno il buono e il cattivo tempo. Chiedo uno sforzo maggiore, soprattutto a quelli della mia generazione. Entrate voi in politica, lottiamo insieme, cambiamo tutto e scriviamo la storia della terra più bella del globo. Ci saranno elezioni comunali a breve in più di mille comuni. Cominciamo da lì”, conclude Sodano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.