fbpx
Regioni ed Enti Locali

Casteltermini, risultato storico dopo 10 anni: assegnate le prime dodici case popolari

Totò Scozzari, Assessore Comunale di Casteltermini, esprime soddisfazione perché dopo 10 anni si è sbloccato e chiuso l’iter per l’assegnazione di dodici alloggi popolari; una notizia che dà giustizia e ristoro alle famiglie bisognose della nostra comunità.

“Veramente una bella notizia,esordisce l’Assessore,ieri pomeriggio alle 17.30,all’ex pretura di Casteltermini,sono state assegnati dodici alloggi popolari,un iter lungo ma che finalmente si è concluso positivamente.
L’assegnazione è avvenuta a seguito di un bando pubblico dello scorso anno e della successiva graduatoria di agosto che ha determinato gli assegnatari.Le case popolari si trovano in Contrada Cipolluzza praticamente nel centro storico del paese.
Già a metà ottobre saranno consegnate le chiavi e il relativo contratto alle famiglie assegnatarie.Si è stabilito inoltre che dei dodici alloggi,le 6 unità abitative più grandi saranno assegnate alle famiglie con maggiore nucleo familiare e le altre 6 a quelle con meno carichi.
Inoltre,continua l’Assessore,ci sono in itinere altri due progetti già finanziati per ulteriori 24 alloggi e sono fiducioso che l’iter si concluderà a breve per dare risposte e ristoro ad altri cittadini e famiglie meno abbienti per quanto concerne l’edilizia economica convenzionata.
Mi preme infine ringraziare il Sindaco per aver dato carta bianca per l’accatastamento degli immobili e per il lavoro certosino e instancabile per lo sblocco dell’iter burocratico da parte del funzionario Ballone e del Dott.Sardo che hanno contributo a chiudere questo percorso che è un segnale importante per chi aspettava da tempo una casa e a costi calmierati.
Oggi è un altro tassello importante per la crescita di questa comunità e sono certo che con il lavoro di tutti questa amministrazione continuerà a dare risposte piccole e grandi ai cittadini che meritano attenzioni quotidiane e particolari in un momento difficile per chi amministra la cosa pubblica.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.