fbpx
Regioni ed Enti Locali

Cisl Agrigento: aperta la campagna “per un fisco più equo e più giusto”

cislRiteniamo necessario avviare una decisa campagna di rafforzamento a sostegno dei redditi dei lavoratori e dei pensionati per fare uscire dalla crisi le famiglie”, è quanto dichiara Maurizio Saia segretario Territoriale della Cisl, la nostra provincia in particolare, ha un reddito procapite di 12.000 euro, soglia di povertà relativa e per questo motivo offriamo un contributo fattivo a tutti i cittadini attraverso un progetto di legge di iniziativa popolare, proposto dalla Cisl Nazionale,che spinga il Governo ad adottare una riforma del sistema fiscale per cambiare il Paese.

La Cisl agrigentina con suoi dirigenti ha avviato diverse iniziative pubbliche a sostegno del progetto di legge per dare il proprio contributo al rilancio dei consumi e dell’economia.

Da domani mattina presso l’ufficio anagrafe del comune di Porto Empedocle, sito in via Lincoln e l’ufficio turismo in via Marconi, sarà possibile per i residenti nel comune firmare la proposta di legge di iniziativa popolare “Per un fisco più equo e giusto”.

Ecco le proposte:

BONUS 1000 EURO
La Cisl propone l’introduzione di un bonus di 1.000 euro annui per tutti i contribuenti con reddito individuale fino a 40.000 euro e un bonus di ammontare ridotto e, via via, decrescente per chi ha redditi compresi fra 40.000 e 50.000 euro;

NUOVO ASSEGNO FAMILIARE
Ripensare il fisco per la famiglia con una maggiore equità distributiva e l’introduzione di un nuovo strumento che superi, accorpandoli, gli attuali assegni familiari e le detrazioni per i figli e per il coniuge a carico, attraverso un nuovo sistema di detrazioni d’imposta che cresca al crescere dei carichi familiari e si riduca all’aumentare del reddito;

FISCALITÀ LOCALE AL SERVIZIO DEL CITTADINO
È indispensabile una nuova regolazione delle imposte e tasse locali che preveda un tetto complessivo di tassazione, collegando più chiaramente ciò che si paga alla fruizione dei servizi sul territorio. All’aumentare della fiscalità locale il cittadino deve ottenere una corrispondente riduzione del prelievo fiscale nazionale;

FISCALITÀ LOCALE AL SERVIZIO DEL CITTADINO
È indispensabile una nuova regolazione delle imposte e tasse locali che preveda un tetto complessivo di tassazione, collegando più chiaramente ciò che si paga alla fruizione dei servizi sul territorio;

UN’IMPOSTA SULLA GRANDE RICCHEZZA NETTA
Una grande operazione redistributiva di ricchezza a favore di chi lavora, dei pensionati e delle aree sociali medio-basse per correggere le diseguaglianze. Va introdotta un’imposta ordinaria sulla grande ricchezza netta che cresca al crescere della ricchezza mobiliare e immobiliare complessiva, con esclusione delle prime case e dei titoli di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.