fbpx
Regioni ed Enti Locali

Coronavirus e crisi della filiera agroalimentare e della ristorazione

Nel rigoroso rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia da Covid-19 si è tenuto ieri nell’Aula Consiliare del Palazzo di Città, l’incontro simbolico di protesta della filiera agroalimentare e della ristorazione organizzato dalla CNA Agroalimentare Sicilia per la giornata di mobilitazione indetta in tutto il territorio regionale a sostegno del comparto duramente colpito dalle restrizioni imposte per l’emergenza sanitaria.

Una ristretta delegazione di associati, guidata dal Presidente della CNA di Licata Piero Caico ha consegnato al Sindaco Giuseppe Galanti, all’Assessore al Turismo Decimo Agnello e al Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Russotto un documento contenente le istanze ritenute indispensabili per il sostegno e il rilancio dell’intero comparto e per la programmazione di una ripartenza reale.

Tra le proposte avanzate nel documento, figurano: l’esenzione della tassazione in quota per tutto il 2021; l’esenzione totale dei tributi locali, con particolare riferimento alla Tari e il prolungamento dell’orario di chiusura fino alle 22.00, con la possibilità di consentire l’ingresso nei locali fino alle ore 21.00.

“Siamo pienamente consapevoli – è il commento dell’assessore Agnello – della situazione drammatica che sta vivendo il comparto agroalimentare in Sicilia messo alle strette dalle restrizioni legate all’emergenza sanitaria da Covid-19. Di comune accordo con il Sindaco Galanti, dopo l’incontro di oggi, abbiamo deciso di riferire all’intera Amministrazione Comunale i punti programmatici avanzati dalla Cna”.

Dello stesso avviso il Presidente Russotto: “preso atto della grave situazione che sta vivendo l’intera filiera agroalimentare non posso far altro che estendere ai Capigruppo Consiliari le istanze proposte dal comparto”.

“Oggi, nell’ambito dell’iniziativa promossa dalla CNA Agroalimentare Sicilia che coinvolge quasi tutti i comuni della Sicilia, – sostiene Caico – abbiamo consegnato un documento con una serie di proposte, come la messa in campo di una campagna vaccinale coordinata ed efficace, il prolungamento dell’orario di apertura dei locali e l’esenzione totale dei tributi locali, con particolare riferimento alla Tari connessa all’operatività delle imprese, per contrastare la grave crisi del comparto. Siamo soddisfatti della sensibilità e della disponibilità dimostrate dall’Amministrazione e dal Presidente del Consiglio Comunale garantendo di farsi portavoce delle nostre istanze presso il Governo regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.