fbpx
Italia

Cosa sappiamo sulla ludopatia

La ludopatia è stata considerata per la prima volta come una malattia patologica di dipendenza verso il gioco d’azzardo negli anni ’80, quando è stata inclusa nel manuale DSM-IV tra i disturbi compulsivi. Soltanto in seguito, dopo altre ricerche scientifiche, essa è stata classificata tra i disturbi di dipendenza mentale e questo ha scaturito un aumento dei casi individuali qualificabili come ludopatia.

In uno studio pubblicato poco dopo il rilascio del DSM 5 nel 2014, è stato rilevato un aumento del 20,4% in Le ragioni per cui le persone giocano d’azzardo possono essere molte, ma dietro il gioco patologico, sembrano essere prevalenti due motivi.

L’assunzione di rischi. Gli psicologi credono che sia nella natura umana voler correre dei rischi, e la base del perché le persone giocano d’azzardo è da ricercare proprio in quest’impulso.

Correre dei rischi può suscitare un’emozione positiva mentre i giocatori aspettano di scoprire se hanno vinto.

Come risultato di questa anticipazione, il gioco prolungato aumenterà l’adrenalina che circola nel corpo di qualcuno, il che crea un circolo vizioso che è simile alle dipendenze da sostanze fisiche come alcolici o droghe.

La scarica di adrenalina inizierà a svanire se le persone non vedono ricompense, portandole a correre rischi maggiori nel tentativo di provare di nuovo lo stesso effetto.

Socializzare. Un altro motivo comune per cui le persone si rivolgono al gioco d’azzardo è la sua diffusione nella società.

La maggior parte delle persone impara a giocare d’azzardo per la prima volta quando i genitori insegnano loro a giocare a carte in giovane età. Di conseguenza, la maggior parte delle persone vede già il gioco d’azzardo come una pratica abbastanza normalizzata, il che li rende meno propensi a evitarlo in future situazioni sociali. Per sua natura, il gioco d’azzardo è comunque un evento sociale estremamente popolare, con giochi diversi rivolti a generazioni diverse.

I Casinò Online odierni, con i loro casino bonus senza deposito, offrono i più disparati giochi sia per giovani che per anziani.

In alcuni rari casi, qualcosa come il gioco d’azzardo può far sentire qualcuno meno solo e più parte di una comunità; perpetuando così l’idea che il gioco d’azzardo possa riempire i buchi della nostra vita e renderla più felice, anche se le conseguenze a lungo termine non sono così positive.

Ci sono, però, anche dei tabù da sfatare. Alcune persone sostengono che anche il gioco d’azzardo occasionale alla fine porta a una dipendenza, ma semplicemente non è così. Non tutti quelli che giocano d’azzardo sono dipendenti.

Comunque, la dipendenza dal gioco d’azzardo intrappola molte persone, rendendo estremamente importante il lavoro di psicologi e altri ricercatori medici in questo campo.

In teoria, chiunque può sviluppare la ludopatia, ma la ricerca ha dimostrato che ci sono alcune persone che hanno maggiori probabilità di sviluppare tale dipendenza rispetto ad altre. Si ritiene che i minori di 35 anni siano maggiormente a rischio di sviluppare una dipendenza dal gioco dato che c’è ancora una parte di persone che deve ancora sviluppare completamente la propria capacità di misurare i rischi, portando a un aumento del livello di impulsività e al desiderio di cercare cose nuove.

C’è una seconda ondata di aumento del rischio quando qualcuno diventa un cittadino anziano. Ciò è attribuito alla necessità di alleviare sentimenti indesiderati come la solitudine o l’ansia.

Con l’accesso ai siti web online, anche chi ha problemi di salute fisica può accedere al gioco d’azzardo, facendolo sembrare un ottimo modo per incontrare altri con interessi simili.

È durante questa età che i disturbi cognitivi come la demenza portano a problemi con il gioco d’azzardo e consentono persino alla dipendenza di prendere piede.

È anche probabile che abbiano difficoltà a prendere decisioni ragionevoli quando si tratta di cose come le scommesse, spesso portandole in difficoltà finanziarie molto prima di quanto si sperimenta in altri gruppi di età.

Anche i soggetti che soffrono di malattie mentali come ansia o corrono un rischio maggiore di sviluppare una dipendenza dal gioco. Per loro il gioco d’azzardo può essere visto come una forma di automedicazione o come un modo per provocare forti emozioni.

Inoltre, ci può essere una componente genetica nella dipendenza dal gioco. Ciò significa che se una persona in famiglia mostra comportamenti di dipendenza, anche un’altra persona ha un rischio maggiore di svilupparla.

Come molte dipendenze, diventare ludopatici non è qualcosa che accade dall’oggi al domani, cosa che rende molto difficile rilevare la presenza della dipendenza.

Alcuni segni evidenti, citati anche nel DSM sono: preoccupazione, assuefazione, impotenza, rincorsa delle vincite e mentire.

Alla fine il soggetto dipendente avrà totalmente perso il controllo nei confronti del gioco.

Uno dei segni più comuni di qualsiasi dipendenza è la perdita di relazioni costruttive importanti.

I metodi di terapia prevedono il confronto con medici specialisti che possono rilasciare una cura basata sulle terapie di gruppo o cognitive-comportamentali a cui può essere incluso l’utilizzo di farmaci.

Le istituzioni psicologiche stanno sviluppando continuamente nuovi approcci per ridurre l’impatto delle dipendenze da gioco.

Uno dei fattori più notevoli dovrebbe essere la prevenzione dei sintomi della dipendenza, ad esempio, molte piattaforme sul gioco d’azzardo consentono agli utenti di escludersi dai siti Web associati, come spikeslot.com.

Ma c’è ancora molto da imparare sul mondo della ludopatia e i suoi rapporti sulla psiche umana.

Solo l’evoluzione della ricerca potrà farci assistere ad una migliore comprensione del modo in cui il gioco d’azzardo deve essere trattato dagli psicologi in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.