fbpx
Italia

Ddl Concorrenza: tutte le novità da sapere. Novità su Rc Auto e pensioni

farmaciaApprovato ieri dal Consiglio dei ministri il disegno di legge sulla Concorrenza che, per grandi linee, rispecchia quanto già anticipato nei giorni scorsi prevedendo importanti novità su Farmacie, Avvocati, Notai, Rc Auto, pagamenti e sanità privata.
Il ddl Concorrenza vedrà, ovviamente, il passaggio parlamentare che come anticipato dal premier Matteo Renziincontrerà le resistenze delle lobby, e noi le sfideremo”.
Più che liberalizzazioni io direi Italia Semplice, – sottolinea il presidente del Consiglio – tutela dei consumatori: è il tentativo di attaccare alcune rendite di posizione, perché riduciamo gap tra chi gode di rendite e chi no”. “Mai come ora l’Italia è pronta a ripartire e a rilanciarsi nel futuro – ha detto Matteo Renzi – Per fare questo è pronta anche a sfidare qualche lobby e ad affrontare, mi verrebbe da dire, le montagne russe”.


Con il premier Renzi, nella conferenza stampa di presentazione, anche il ministro dello Sviluppo, Federica Guidi, che tiene a evidenziare come il ddl punta a “far calare le tariffe o diminuire i prezzi e aprire pezzi di mercato oggi non tanto accessibili per nuove iniziative imprenditoriali”. Per il ministro queste misure, “come ha detto l’Ocse, potrebbero portare a un aumento del Pil fino a 2,6 punti in 5 anni”.
Ecco nel dettaglio cosa prevede il ddl Concorrenza:

RC AUTO | Fra le novità più attese quella relativa al pacchetto di misure per la comparabilità delle offerte sull’Rc Auto con “l’obbligo da parte delle assicurazione a praticare forti sconti” laddove il contraente accetti particolari clausole, quali ad esempio l’installazione della scatola nera o il controllo preventivo dei veicoli. Il ministro Guidi riferisce che gli sconti potranno essere praticati “nel caso in cui cliente decide di accettare l’ispezione preventiva del veicolo, l’istallazione della scatola nera, o del rilevatore del tasso alcolemico”. Le assicurazioni poi “sotto il controllo dell’Ivass dovranno creare pacchetti di offerte a prezzo sensibilmente più basso”. Previsto anche un intervento sui risarcimenti “del danno non patrimoniale”.
Sul punto però si registrano le critiche delle associazioni dei carrozzieri che, tramite il presidente dei carrozzieri di Confartigianato, Silvano Fogarollo, annunciano come “per l’ennesima volta, con le misure in tema di Rc Auto, assistiamo al tentativo di consegnare il mercato delle riparazioni auto nelle mani delle assicurazioni”. “Questo in nome di una presunta liberalizzazione e senza tener conto – evidenzia Fogarollo – che una misura identica era già stata stralciata nel 2014 dal Decreto Destinazione Italia. Errare è umano, ma perseverare è diabolico”.

FONDI PENSIONE | Il ddl Concorrenza prevede altresì novità per i fondi pensione. Viene prevista la piena possibilità per i lavoratori di effettuare la portabilità dei propri contributi pensionistici, eliminando così la possibilità per i contratti di lavoro nazionali di includere vincoli e condizioni anche in relazione alla quota di spettanza del datore di lavoro. Viene rimosso anche il vincolo, per il fondo di trovare sottoscrittori solo all’interno della categoria professionale di riferimento.

FARMACI | Non è prevista nessuna novità sul fronte della liberalizzazione dei farmaci di fascia C da vendere fuori i locali delle farmacie. Ad annunciarlo tramite un tweet è il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che riferisce come “La vendita dei farmaci di fascia C rimane in Farmacia. Vittoria dei pazienti, soprattutto degli anziani”. Contrariata l’associazione dei consumatori Codacons che parla di “regalo” alle farmacie; critiche anche dall’Aduc: “Non si capisce perché le prescrizioni fatte da un medico per l’acquisto di un farmaco debbano andare bene per comprare in farmacia, ma non in parafarmacia”.
L’aver evitato che i farmaci di fascia C, come gli psicofarmaci, possano essere venduti nei supermercati o nelle parafarmacie è innanzitutto una vittoria dei cittadini, poiché garantisce la loro salute e la sicurezza nella distribuzione dei farmaci più sensibili”, ha poi specificato la Lorenzin. “Abbiamo indicato tutte le criticità che questo tipo di scelta avrebbe comportato: un aumento sensibile del consumo di farmaci e quindi un conseguente abuso nella somministrazione un danno per le piccole farmacie, a partire da quelle rurali – conclude in una nota il ministro – condizioni per un aumento progressivo della spesa farmaceutica quindi la fine della “farmacia dei servizi” così come previsto dal Patto della Salute firmato con le Regioni nel luglio 2014”.

NOTAIO | Il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi ha annunciato che per le compravendite il cui valore totale non arrivi a 100 mila euro, non sarà più necessario il notaio. Infatti si potrà ricorrere anche dall’avvocato.
Per la compravendita di immobili non a uso abitativo e di valore inferiore a centomila euro ci si potrà rivolgere all’ avvocato e non al notaio, purché l’avvocato si doti di una copertura assicurativa pari al valore del bene. Anche per le srl, per una serie di atti laddove è prevista la firma digitale quest’ultima diventerà sostitutiva del ricorso al notaio e all’ atto pubblico”, ha detto il ministro.

INGEGNERI E FARMACIE | Novità anche sul fronte delle libere professioni. In particolare le società di ingegneri potranno assumere commesse da privati superando una disciplina, oggi in vigore, risalente agli anni ‘40. Per le farmacie invece viene eliminato il limite di titolarità di 4 licenze in capo ad un unico soggetto e viene consentito l’ingresso di soci di capitale, come già disposto per gli studi legali.

AVVOCATI E NOTAI | Il ddl Concorrenza prevede in particolare per gli avvocati l’eliminazione del vincolo di appartenenza a una sola associazione professionale; introduce l’obbligo di presentare un preventivo (oggi solo su richiesta dell’assistito) e consente le società multiprofessionali e l’ingresso di soci di capitali.
Eliminazione del reddito minimo di 50 mila euro, eliminazione del divieto di pubblicità e allargamento del bacino di competenza a tutto il territorio regionale. Quest’ultime le novità per i notai che vedranno sgravarsi dell’esclusività, fino ad ora a loro riservata, riguardante l’autentica notarile che in alcuni casi potrà essere effettuata anche da commercialisti e avvocati. Prevista anche l’eliminazione dell’obbligo di atto notarile per la costituzione di società a responsabilità limitata con capitale fino a 20 mila euro. Nella pratica verrà dunque consentito ad altri professionisti la facoltà di poter redigere atti per transazioni immobiliari di modesta entità e relative ad unità immobiliari non ad uso abitativo.

INTERNET, TELEFONIA, PAY-TV, POSTE | In tutti questi ambiti vengono semplificate le procedure di identificazione dei clienti per la migrazione e viene prevista la trasparenza sulle penali in caso di recesso anticipato dal contratto. La penale dovrà comunque essere effettivamente legata ai costi effettivamente sostenuti dall’operatore in caso di promozioni.
Per la spedizione e la notifica di atti giudiziari e sanzioni da parte della Pubblica Amministrazione, viene eliminata la riserva di Poste Italiane.

GAS, ENERGIA ELETTRICA E CARBURANTI | Novità importanti per le regolamentazioni di prezzo ad oggi previste: a) per il gas naturale, la graduale eliminazione della “tutela” a decorrere dal 2018 nel mercato domestico (prezzi fissati dall’Autorità per l’Energia per i consumatori che non hanno scelto un fornitore sul libero mercato); b) per l’energia elettrica la graduale restrizione dell’attuale perimetro di tutela (pmi e famiglie che non hanno scelto un fornitore sul mercato), sempre a decorrere dal 2018; c) per i carburanti si vieta l’introduzione, in particolare da parte delle Regioni, di norme discriminatori ad esempio a carico dei nuovi entranti.

BANCHE | Un punto su tutti: trasparenza. In questo ambito saranno infatti introdotti nuovi strumenti di comparabilità delle offerte ed i costi delle chiamate per l’assistenza ai clienti non potranno superare le tariffe per l’ordinaria chiamata urbana. Infine, un apposito sito Internet dovrà garantire la trasparenza nella vendita di polizze assicurative accessorie ai contratti di finanziamento e ai mutui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.