fbpx
Spalla Sport

Derby al cardiopalma, la Fortitudo Agrigento vince dopo due extra-time

Finisce con il risultato complessivo di 105-99 la gara valida per la prima giornata di campionato del Girone Ovest di Serie A2 fra la Fortitudo Moncada Agrigento e la Orlandina Basket.

Esordio da incorniciare per la Fortitudo Agrigento che in questa prima sfida ricorda il suo 50esimo con una canotta speciale. Partita ad alta tensione al PalaMoncada dove le due squadre hanno mostrato grande voglia. Match deciso dopo che nei primi quattro quarti il punteggio si è fermato con il punteggio di 81 a 81. Grande prestazione finale dopo due extra-time per i padroni di casa che con un ottimo Bell, e i canestri di Ambrosin, trovano la vittoria per il derby siciliano.

Per la prima giornata della Regular Season coach Franco Ciani si affida al quintetto base composto da: Bell, Cannon, Evangelisti, Ambrosin e Zilli. Coach Marco Sodini risponde con Bruttini, Lagana, Parks, Lucarelli e Triche.

PRIMO QUARTO
Palla a due per la Orlandina che non riesce a concretizzare la prima azione d’attacco con una tripla mancata di Lagana. Risponde subito Evangelisti che mette così a segno i primi due punti della partita e della nuova stagione. Match che agli inizi vede grande dinamismo sul parquet del PalaMoncada con Agrigento attenta in difesa e gli ospiti, guidati da un ottimo Triche, concreti in attacco; è subito il +6 (6-12 ndr) a quattro minuti dal fischio d’inizio a riassumere il buon momento dei messinesi. I “giganti” di coach Ciani non ci stanno e cercano di rimontare lo svantaggio portandosi a -2. Orlandina non si fa sorprendere e riporta il vantaggio a +7, ma dopo il minuto di sospensione è Agrigento che subito mette a segno un parziale di 5 punti con Evangelisti e la tripla di Amir Bell. Sono gli errori di Agrigento in fase offensiva a determinare il +10 di Orlandina che trova facili attacchi in una difesa facilmente penetrabile.
Quarto che si chiude con il punteggio di 20 a 28. Top scorer Tiche con 10 punti, 9 le realizzazioni di Evangelisti.

SECONDO QUARTO
Parte forte Agrigento con una tripla di Simone Pepe, ma Mobio risponde infilandosi nella difesa biancazzurra, trovando così i 30 punti per i suoi. Orlandina che si dimostra attenta in difesa con Agrigento costretta agli straordinari con un buon Pepe che porta a -4 lo svantaggio a sei minuti dalla fine del mini tempo. È il numero 40 biancazzurro la vera “spina” nel fianco degli ospiti. Ora è Agrigento ad alzare il ritmo e a trovare il pareggio a 4 minuti dalla fine con un’ottima azione corale concretizzata da Cannon. È lo stesso numero 5 di Agrigento a trovare il vantaggio per Agrigento con un tiro libero. Ospiti che non ci stanno e si riportano in vantaggio concludendo il quarto con il punteggio di 43 a 44. Top scorer, Triche con 12 punti; per Agrigento 11 le realizzazioni di Cannon.

TERZO QUARTO
Prima azione dell’Orlandina che dopo aver recuperato palla su un errore d’attacco di Agrigento con Lucarelli trova il +3. Zilli accorcia sulla tripla di Lagana alla quale risponde Evangelisti dalla lunga. Il roster di coach Sodini alza la difesa ma Agrigento con Zilli ritrova il pareggio a sei minuti dalla fine del terzo quarto. I “Giganti” di coach Ciani trovano il massimo vantaggio con un +5 dopo i tiri liberi di Pepe ed Evangelisti. Sono gli ospiti a due minuti dalla fine ad approfittare dei troppi errori di Ambrosin e accorciare (61-60 ndr). Errori che lo stesso Ambrosin si fa perdonare poco dopo trovando la tripla del +6. Lo stesso numero 14 si ripete poco dopo e tabellone del punteggio che segna 69 a 61 per i biancazzurri.
Quarto che si chiude con il punteggio di 71 a 61. Top scorer Evangelisti e Triche con 17 punti.

ULTIMO QUARTO

Apre le danze Guariglia che mette a segno altri due punti ma Triche risponde subito da tre riaprendo così la partita. Con un parziale di +5 per gli ospiti, trascinati dal sempre presente Triche, Agrigento fatica in fase offensiva, trovando la tripla con Pepe alla quale pochi secondi dopo risponde dalla lunga il numero 20 messinese, che si ripete suonando così la carica. Si accende la partita ma l’esperienza del capitano biancazzurro riporta la calma dopo il – 2 dell’Orlandina a 4 minuti e mezzo dal termine della gara. Gli uomini di coach Sodini non mollano per un finale di partita al cardiopalma. E’ Lagana a riaprire la partita con una tripla che riporta il punteggio in parità (81-81 ndr) e partita che va all’extra-time.

OVER TIME

Lucarelli trova i primi due punti che riportano in vantaggio una Orlandina che complica così la vita ad una Fortitudo che sbaglia troppo in attacco, complice un’ottima difesa degli ospiti. Triche porta a +6 l’Orlandina a 2:16 dall’over time e coach Ciani costretto al time-out. Alla ripresa del gioco è Cannon a trovare i primi due punti e a riaprire le speranze di una Agrigento che non si è mai persa d’animo. Amir Bell ritrova il pari a 7 secondi dalla fine, e nell’azione d’attacco di Triche la palla non entra ed è ancora pareggio: 89 a 89.

2° OVER TIME

Dai tiri liberi è Cannon a trovare il momentaneo vantaggio, vanificato dal canestro di Bruttini. Bell trova la tripla e punteggio sul 94 a 91 per Agrigento che fa esplode il PalaMoncada. Triche risponde dalla lunga e +2 per Orlandina che però ritrova subito il -1 con la tripla Ambrosin. Ora è Agrigento che sembra aver il pallino del gioco e a due minuti dalla fine il punteggio è sul 101 a 96 per i “Giganti” di coach Ciani. Alla fine il punteggio è di 105 a 99 per Agrigento. Top scorer Cannon con 26 punti.

Fortitudo Moncada Agrigento – Orlandina Basket (20-28; 23-16; 28-17; 10-20; 24-16)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.