fbpx
Regioni ed Enti Locali

Dissesto a Porto Empedocle, la Cisl in un manifesto: “dimettetevi tutti”

14672894_1587618158213641_1024746498_oDopo il voto del Consiglio Comunale sul dissesto finanziario del Comune di Porto Empedocle, la sigla sindacale della Cisl, rappresentata dal responsabile comunale Eduardo Sessa, ha affisso alcuni manifesti nei quali si ringraziano “tutti gli amministratori passati e presenti”.

“Dopo tanto chiasso, – recita il manifesto della Cisl – alla fine ci sono riusciti, siamo tutti FALLITI. Questa Cisl nei mesi precedenti le ultime elezioni amministrative, aveva sollevato il problema Politico anche con manifesto pubblico, cui hanno fatto seguito, lettere , riunioni politiche, sociali ed anche religiose rivelatesi del tutto improduttive. Porto Empedocle, depredata, saccheggiata, umiliata, mortificata da una politica incapace di guardare al bene comune e più attenta alla cura della propria immagine, alla necessità di gestire il potere”.

“Nonostante mille appelli, – scrive la Cisl – nessuno credeva che il fallimento fosse alle porte. Questo Paese (e torniamo a chiamarlo Paese, avergli dato il titolo di Città serviva per altri fini) non meritava questa fine indecorosa.
La Cisl Empedoclina ringrazia tutti, passata Amministrazione che ha generato il disastro, ed attuale che non ha in alcun modo tentato altre vie, negando anche un soccorso da Organismi Superiori. Un grazie a tutte le forze politiche che non sono mai intervenute. Ancora grazie a tutte le forze politiche empedocline, per non aver accolto il nostro invito lanciato qualche mese prima delle ultime elezioni amministrative, affinchè si mettessero da parte le appartenenze, e provare con uno sforzo comune di evitare il disastro. A conclusione di questa farsa, chiediamo a tutti un’ ultimo atto di orgoglio: Dimettetevi tutti, Sindaci, Assessori e Consiglieri Comunali, almeno gli Empedoclini pagheranno solo i Commissari Straordinari che lo Stato invierà, per Amministrare il Paese. DIMETTETEVI, così PORTO EMPEDOCLE vi dirà “Veramente GRAZIE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.