fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Dopo l’apertura viadotto Petrusa subito al lavoro con il cartello sociale per altri risultati

Il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Giancarlo Cancelleri, dopo avere inaugurato ieri il viadotto Petrusa, lungo la strada statale 122 che collega Favara ad Agrigento, si è recato alla Prefettura del capoluogo agrigentino, per partecipare al tavolo permanente che ha istituito mesi addietro con il cartello sociale, coordinato dalla prefetto, Maria Rita Cocciufa, guidato da don Mario e composto dai sindaci della provincia e dai sindacati, in modo da dare maggiore spinta ai lavori in corso e in programma su tutto il territorio. All’incontro di ieri il viceministro Cancelleri ha invitato i responsabili dell’Anas, Matteo Castiglioni e Valerio Mele, rispettivamente direttore operation e coordinamento territoriale e responsabile struttura territoriale Sicilia, che hanno anche partecipato alla cerimonia di riapertura del viadotto Petrusa.

“Dopo questa pausa forzata, causata dalla pandemia – ha dichiarato il viceministro Cancelleri aprendo i lavori del tavolo permanente di oggi – riprendiamo il lavoro con i responsabili istituzionali del territorio. Un territorio al quale sono molto affezionato e che ha bisogno, forse più di altri, di riacquisire una dignità infrastrutturale. Siamo qui subito dopo l’apertura del viadotto Petrusa – ha continuato Cancelleri – senza perdere tempo in festeggiamenti, nonostante l’evento di oggi lo meritasse per l’importanza dell’opera. Un’infrastruttura che, oltre a ricongiungere i cittadini di Favara e Agrigento, ripristina finalmente la viabilità anche dell’autostrada 640 che da Agrigento porta a Caltanissetta.
Ma questo deve essere solo l’inizio – ha concluso il viceministro – per tanto ci rimettiamo immediatamente al lavoro affinché, tutti assieme, si possa raggiungere ulteriori importanti risultati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.