fbpx
Sport

E’ ancora Bologna. La Fortitudo Agrigento non riesce a contenere la Eternedile – FOTO

agrigento bologna 1Al PalaMoncada di Porto Empedocle la Fortitudo Moncada Agrigento perde anche Gara-2 contro la Fortitudo Eternedile Bologna.

Dopo Gara-1, aggiudicata dalla Eternedile Bologna, la sfida di stasera finisce con il punteggio di 66 a 74 al termine di uno spettacolo che ha regalato non poche emozioni. Agrigento ancora una volta mostra lacune difensive che spianano la strada ad una Fortitudo Bologna che non sembra imbattibile, ma che basta ad annientare i biancoazzurri.

Un grande pubblico oggi al PalaMoncada di Porto Empedocle per questa seconda sfida dei quarti dei playoff di Serie A2 fra due grandissime squadre che hanno già mostrato, domenica scorsa, grande equilibrio ma soprattutto grande voglia di passare il turno.

Bologna dovrà fare conti con l’assenza di Flowers, infortunato a cinque minuti dalla fine di Gara-1. Per lui una lesione al tendine d’Achille che lo ha costretto al rientro anticipato. Un vero “KO” quello del roster di coach Matteo Boniciolli visto che l’americano era stato uno dei protagonisti assoluti della vittoria contro Agrigento in Gara-1.

Per Gara-2 coach Franco Ciani si affida al quintetto base composto da Marco Evangelisti, Kelvin Martin, Alessandro Piazza, Scott Eatherton e Quirino De Laurentiis.

La Fortitudo Eternedile Bologna di coach calca il parquet del PalaMoncada con: Raucci, Italiano, Candi, Campogrande, Lee Daniel.

Nel primo quarto è subito Bologna che mette il “turbo” con una Agrigento che sembra accusare i colpi dalla lunga distanza. Molta disattenzione da parte della squadra casalinga che costringe coach Ciani ad effettuare dei cambi con l’ingresso di Chris Mortellaro e Andrea Saccaggi. Bologna, ancora una volta, si dimostra quasi impeccabile dai tiri da 3 punti. È Amoroso che, con l’assenza di Flowers, riesce con le sue triple a fare quello che vuole.

Nei secondi dieci minuti è Agrigento che sembra avere preso le misure di una Fortitudo Bologna che non accusa l’assenza di Flowers. Gli schemi di coach Boniciolli funzionano alla perfezione, lasciando libero il “cecchino” dalla lunga distanza.
Una gara combattuta fra due roster che non si risparmiano. Agrigento non sembra essere particolarmente brillante, ma comunque riesce a tenere testa alla Fortitudo Eternedile. Top scorer dei biancoazzurri del secondo quarto, Kelvin Martin con 14 punti. Partita quasi fotocopia quella vista nei primi due quarti di gara rispetto a quella di domenica scorsa.

Nel terzo quarto è Agrigento che trova subito il sorpasso grazie alle triple di De Laurentiis e Evangelisti. Amoroso però prende in mano la sua squadra con una prestazione “maiuscola” che riesce bene a contenere gli attacchi dei biancoazzurri. Grande equilibrio, ma soprattutto grande intensità di gioco. Penultimo quarto che si chiude con il vantaggio di Agrigento per 57 a 53.

Nell’ultimo quarto di gara è Agrigento che sembra avere la meglio con gli errori di Bologna che a questo punto “pesano” e non poco. L’orgoglio della squadra emiliana fa in modo di recuperare punti su punti a causa di qualche errore difensivo dei “biancoazzurri” siciliani. E’ ancora una volta Amoroso a dettare tempi e punti di una Fortitudo Eternedile Bologna che riesce nell’impresa di portare a casa anche Gara-2. 

Finisce così Gara-2 e appuntamento con Gara-3 a Bologna dove ora Agrigento dovrà dimostrare di voler continuare la serie. 

Fortitudo Moncada Agrigento – Fortitudo Eternedile Bologna 66 – 74 (14-16; 21-22; 22-15; 9-21)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.