fbpx
Apertura Regioni ed Enti Locali Salute

Emergenza Coronavirus, posti letto per la quarantena in alberghi: disponibilità di un Hotel agrigentino

Accolta dall’Asp di Agrigento la disponibilità dell’Hotel Akrabello per la stipula del rapporto convenzionale che servirà, in tempi di emergenza da Coronavirs, ad accogliere nella struttura soggetti risultati positivi al Covid-19.

La stipula del rapporto convenzionale resta, al momento, subordinata al rilascio dell’autorizzazione del dipartimento regionale. Come si ricorderà, il governo regionale siciliano nei giorni scorsi per far fronte all’emergenza provocata dal Covid 19 aveva lanciato la richiesta a strutture alberghiere, per mettere a disposizione centinaia di camere da sanificare preventivamente. Le stesse sottoscriveranno una convenzione che prevede, tra l’altro, il pagamento di un importo massimo a carico dell’amministrazione regionale di trenta euro al giorno, in relazione alla classificazione in stelle della struttura.

A farsi avanti è stata, appunto, la struttura alberghiera Akrabello che potrà così, una volta concluso l’iter procedurale, ospitare ed assistere i pazienti positivi al tampone che non hanno necessità di ricovero o i soggetti che sono stati appena dimessi dagli ospedali ma sono ancora positivi.

«Ne stiamo cercando almeno una in ogni territorio provinciale per essere pronti – aveva dichiarato il governatore siciliano Nello Musumeci – a un possibile picco dei contagi che richieda di tenere in isolamento i soggetti risultati positivi, ma che non presentano particolari sintomi. Abbiamo allertato le organizzazioni di categoria e contiamo su adeguate risposte all’avviso pubblico del dipartimento Salute. oglio dire anche – sottolinea Musumeci- che l’Agenzia nazionale per i beni confiscati ci ha messo subito a disposizione due strutture alberghiere, a Palermo e nel Trapanese, che contiamo di utilizzare. Un bel segnale di collaborazione istituzionale e un grazie al prefetto Bruno Frattasi per la disponibilità. In questo momento nulla può essere lasciato al caso e l’impegno di tutti diventa fondamentale per venirne fuori».

Gli alloggi saranno a uso esclusivo dell’utente in isolamento indicato dall’Asp e per il quale ci sarà il divieto assoluto di ricevere visite. Nella struttura, oltre al personale in servizio, potranno accedere soltanto ospiti designati dall’Azienda sanitaria, il personale medico e i fornitori autorizzati. Per tutti, naturalmente, verranno adottate le massime precauzioni.

“I contenuti di massima delle convenzioni – ha sottolineato l’Asp di Agrigento – prevedono il pagamento al consumo e ciò in province che non hanno provveduto ad alcuna contrattualizzazione. E’ appena il caso di evidenziare che in siffatta condizione il pagamento a consumo e il pagamento vuoto per pieno, previsto come contenuto di massima della convenzione, sostanzialmente si equivalgono perché la struttura contrattualizzata dovrà quasi immediatamente essere saturata con il ricovero dei soggetti da allocare e pertanto tale circostanza non potrà essere considerata ostativa alla concreta attuazione della strategia regionale di contrasto al diffondersi dell’epidemia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.