fbpx
Apertura Cronaca

Favara, scomparsa di Gessica Lattuca, ascoltati i familiari: disposta apertura del loculo indicato dalla “testimone”

Continuano senza sosta le indagini sulla scomparsa di Gessica Lattuca, la giovane mamma favarese di cui non si hanno più notizie dallo scorso 12 agosto.

Ieri i familiari della giovane mamma di quattro figli sono stati convocati dai militari dell’Arma dei Carabinieri del Reparto operativo di Agrigento per le audizioni svolte dal sostituto procuratore Paola Vetro, titolare dell’inchiesta con il procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella.

L’obiettivo degli investigatori è stato quello di cercare nuovi indizi utili alle indagini. Ascoltate come “persone informate sui fatti”, Giuseppina Caramanno, mamma di Gessica, lo zio Alessandro Caramanno, il fratello, Enzo Lattuca, ed una vicina di casa, Maria Stagno, ultima persona ad avere avuto un contatto con la giovane scomparsa.

Al momento, come si ricorderà, unico indagato è FIlippo Russotto, assistito dall’avvocato Salvatore Cusumano, ed ex compagno e padre di tre dei quattro figli di Gessica.

Intanto, il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella ed il pubblico ministero Paola Vetro, avrebbero disposto la riapertura di un loculo del cimitero di Favara. A riportare la notizia è una nota dell’AGI di ieri pomeriggio.

Una testimone avrebbe infatti riferito che potrebbe esserci il corpo senza vita della ragazza. Il tentativo sarà fatto con ogni probabilità’ giovedì prossimo anche se, da fonti investigative, si apprende che non viene dato molto credito alla donna le cui dichiarazioni, comunque, saranno valutate attentamente alla ricerca di riscontri. Al momento l’unico indagato, per l’accusa di occultamento di cadavere, resta il compagno di Gessica. Gli inquirenti, intanto, stanno cercando di dare nuovo impulso alle indagini che non sembrano avere portato altri sviluppi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.