fbpx
Sport

Fortitudo Agrigento, il fattore campo colpisce ancora: Latina si piega ai “giganti” – FOTO

Quarta giornata di campionato per il girone Ovest di Serie A2 Citroën che vede la Fortitudo Moncada Agrigento sfidare in casa la Benacquista Latina, reduce da un’ottima vittoria contro la Givova Scafati (82-72 ndr) dopo un inizio di stagione non esaltante.

Finisce con il risultato finale di 73 a 64 a favore della Fortitudo Agrigento che riesce così a dimenticare Biella. Latina trova invece la sua terza sconfitta dopo la bella prestazione contro Scafati.

Al PalaMoncada di Porto Empedocle roster al completo per entrambe le squadre, in cerca di “riscatto” e di “conferme”. 

Coach Franco Ciani si affida al quintetto base composto da: Piazza, Evangelisti, Buford, Chiarastella e Bell-Holter.
Coach Franco Gramenzi risponde con: Arledge, Poletti, Rullo, Deshields e Uglietti.

I “giganti” di Agrigento ritrovano nelle file avversarie il giovane playmaker Bruno Mascolo che la scorsa stagione fu chiamato a colmare il “vuoto” lasciato dall’infortunio di Alessandro Piazza.

PRIMO QUARTO
E’ il pressing di Latina che nei primi secondi mette in difficoltà Agrigento che riesce solo dopo 3 minuti a trovare il primo canestro con Bell-Holter, riducendo così lo svantaggio che aveva portato ad un +4 i laziali. Passano i minuti e alta intensità di gioco che si traduce in un testa a testa con grande spettacolo da entrambi i roster. Gioco fisico e grande attenzione in fase difensiva soprattutto per Latina che cerca di arginare le sfuriate dei due americani biancoazzurri, con in testa Bell-Holter, sempre attento nei rimbalzi difensivi. Sul 13 a 10 coach Ciani fa rifiatare Piazza anche a causa di un fallo, e fa entrare sul parquet il giovane Ruben Zugno.
I primi 10 minuti di gioco si concludono con il punteggio di 21 a 20 per la Fortitudo Agrigento. Top scorer per i biancoazzurri Bell-Holter con 10 punti.

SECONDO QUARTO
Identico tema tattico per entrambe le squadre fin quando coach Ciani non si affida a due lunghi con Ferraro e De Laurentiis. Tanti gli errori per Agrigento e Latina dai tre punti. La prima tripla, arriva grazie a Rullo dopo 14 minuti di gara, e permette il sorpasso della squadra ospite fino al canestro di Zugno che porta l’incontro in parità (25-25). Nella seconda metà del mini tempo è Latina che però appare più lucida con gli attacchi della Fortitudo che sembrano non avere la meglio. Rullo sale in cattedra e mette in difficoltà Agrigento con i suoi canestri, portando Latina al momentaneo massimo vantaggio (25-32). Con l’ingresso di Piazza coach Gramenzi sceglie di attuare una difesa a “uomo” con Mascolo che sembra non dare tregua al numero 21 agrigentino. A un minuto dalla fine è Marco Evangelisti a portare tutto in parità con la sua tripla (32-32). Latina che si porta nuovamente in vantaggio con un tiro da due di Rullo. Il PalaMoncada esplode in un urlo quando a meno di un secondo dalla fine del quarto, dalla propria area il capitano biancoazzurro, Albano Chiarastella, tira la palla che si insacca senza toccare il ferro. Un canestro da “incorniciare” quello del numero 12 di Agrigento che vale “oro”. Fortitudo che chiude il quarto in vantaggio (35-34). 

TERZO QUARTO
Parte bene Latina che mette subito a segno una tripla con Uglietti e trova il sorpasso. Massima intensità di gioco che vede a confronto due roster equilibrati che, canestro dopo canestro, non riescono a prendere il largo. E’ il gioco di Bell-Holter che consente ai biancoazzurri di trovare punti e vantaggio (49-41). Buona anche la prestazione di Zugno sempre pronto a sostituire Piazza (3 falli per lui ndr). Ad infiammare i tifosi ci pensa Buford che in pochi secondi riesce con una azione difensiva e offensiva a mostrare le sue qualità. Latina però non ci sta e con una serie attacchi riesce a trovare nuovamente la quadra del gioco e, soprattutto, il pareggio. Terzo quarto che si conclude con il punteggio di 51 a 51. Top scorer Bell-Holter con 17 punti.

ULTIMO QUARTO
Primi canestri che portano il segno ancora una volta di Bell-Holter che riesce a piazzare due tiri liberi. Match che si gioca punto su punto . Basse percentuali dai tre punti con molti errori da entrambe le parti. E’ Rino De Laurentiis che riesce però, a cinque minuti dalla fine, a mettere a segno i tre punti e trovare il massimo vantaggio del quarto per Agrigento (+5). Latina sembra avere fretta di recuperare e sbaglia dalla lunga distanza consentendo una più agevole azione in attacco di Agrigento.  A complicare le cose per la squadra ospite il quinto fallo personale del numero 5 Arledge. Poletti non ci sta e a 3:30 dalla fine piazza la sua tripla riducendo così lo svantaggio. A due minuti dalla fine, Buford trova il due su due dalla lunetta. Lo stesso numero 2 della Fortitudo si ripete a 54 secondi dalla fine del match, e ancora a 43 secondi (1 su due). Ci pensa poi Marco Evangelisti, ancora dalla lunetta, a chiudere la gara.

Fortitudo Moncada Agrigento – Benacquista Latina 73-64 (21-20; 14-14; 16-17; 22-13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

IMG_5727 IMG_5728 IMG_5729 IMG_5730 IMG_5731 IMG_5732 IMG_5733 IMG_5734 IMG_5735 IMG_5736

IMG_5692 IMG_5694 IMG_5695 IMG_5697 IMG_5699 IMG_5700 IMG_5701 IMG_5702 IMG_5703 IMG_5705 IMG_5708 IMG_5709 IMG_5710 IMG_5711 IMG_5712 IMG_5713 IMG_5714 IMG_5715 IMG_5716 IMG_5717 IMG_5718 IMG_5719 IMG_5720 IMG_5721 IMG_5722 IMG_5723 IMG_5724 IMG_5725 IMG_5726

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.