fbpx
Politica

Gestione allerta meteo, Bongiovì e Hamel: “ancora una volta la città ed i cittadini sono stati abbandonati”

“In questi giorni, le abbondanti piogge hanno messo in ginocchio la nostra città. Ma quali provvedimenti sono stati adottati prima, durante e dopo???”. A chiederlo al Sindaco Miccichè, sono i Consiglieri Comunali di Agrigento Alessia Bongiovì e Nello Hamel, che aggiungono:
“Diremo decisamente nessun provvedimento!!! Tra un’allerta meteo, ed un’altra non abbiamo visto nessun miglioramento, e tanto meno, non abbiamo riscontrato lavori urgenti futili a contrastare le nostre condizioni di criticità, o che avessero potuto arginare il pericolo imminente dietro l’angolo. Invece, ci siamo ritrovati nelle stesse condizioni precedenti: immersi nell’acqua, con strade impraticabili, con piccole frane di terreno, con il cedimento di una vecchia abitazione nel centro storico, con persone bloccate all’interno delle proprie abitazioni, senza elettricità, etc…e in tutto questo, ci chiediamo, il Comune dov’era??? Perché nessuna segnalazione, cartellonistica o con presidio della polizia locale, è stata messa in atto ai fini di salvaguardare l’incolumità dei cittadini??? Perché non si è richiesto anche l’ausilio della protezione civile o dei vigili del fuoco??? Oggi, allo stato attuale, la città continua a versare in uno stato di totale abbandono!! E nessun mezzo adeguato si vede in giro per la pulizia dei tanti detriti che dopo la pioggia giacciono sotto le nostre abitazioni e sul mando stradale. Un pericolo da non sottovalutare per gli automobilisti e per i pedoni”.
Concludono i Consiglieri Bongiovì e Hamel: “Bisogna provvedere a fare un censimento dei danni post allerta, e a tal proposito, vogliamo informare la cittadinanza, che secondo l’art. 2051 del codice civile, si potrà richiedere risarcimento danni al Comune. Ci auspichiamo, che al più presto la città possa ricevere risposte di fattibilità!! E che i nostri concittadini, non possano essere per l’ennesima volta lasciati in balia dei tanti problemi che il Comune dovrebbe provvedere a risolvere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.