fbpx
Sport

Gioia in casa Akragas, Di Napoli: “l’anno prossimo in Lega Pro, lo avevo detto. Priorità? I biancoazzurri”

akragas1Emozioni incontenibili in casa Akragas dopo la conquista della salvezza che garantirà così ai “biancoazzurri” la permanenza fra i “professionisti” anche per la stagione calcistica 2017/2018.

Si è presentato ad Agrigento con una promessa, e questa è stata mantenuta. Mister Raffaele Di Napoli non fa mistero delle difficoltà incontrate durante un percorso lungo e tortuoso. La Lega Pro ha mostrato di essere uno dei campionati più “duri”, ma la tenacia e il lavoro di un gruppo “giovane”, guidato da un tecnico di altissimo livello, ha permesso ad popolo agrigentino di continuare ad avere il “grande” calcio. 

L’anno prossimo giocheremo in Lega Pro – afferma mister Di Napoli, visibilmente emozionato -. Sono arrivato qui il primo giorno è l’ho detto, oggi è l’ultimo giorno di campionato e l’anno prossimo giocheremo in Lega Pro“. 

Dopo lo svantaggio – ha sottolineato Di Napoli – ero molto sereno. Qui sono arrivato con grande umiltà, ma questa partita l’avevo letta e avevo fatto delle scelte iniziali proprio come l’avevo preparata. Non pensavo di prendere un gol su autorete, ma sapevo bene che la seconda parte della partita loro ci potevano mettere più pressione; per questo ho poi inserito Klaric per mettere più profondità. E’ la partita che avevo sognato“.

Una dedica per questa salvezza? “A mia madre, alla mia famiglia, a tutti gli agrigentini“.

Di Napoli ha poi voluto ringraziare tutti i collaborati dal medico sociale, ai magazzinieri, ai dirigenti e soprattutto i due presidenti: Silvio Alessi e Marcello Giavarini, e dulcis in fundo Peppino Tirri.

Ho accettato di venire qui ad Agrigento grazie a Tirri. Ho sposato questo progetto che oggi è un grande progetto perchè il calcio andrà avanti e noi stiamo andando avanti; abbiamo in squadra i classe ’99 e 2000 e se la società è intelligente continua con un progetto: Sicuramente è una società intelligente. Oggi mi godo questo momento di felicità con la mia famiglia e la mia compagna. Domani è un altro giorno e sicuramente ci incontreremo con la società e vediamo se loro hanno intenzione di riconfermarmi e farmi rimanere qua. La mia priorità? E’ l’Akragas“.

Uno staff collaudato che potrà continuare con un progetto di crescita di un collettivo oggi invidiato e modello d’esempio per tutte le grandi società. Dimostrazione che il calcio “sano” può ancora rappresentare quel valore apicale da inculcare alle giovani generazioni.

LEGGI: Akragas, è festa! Un pareggio porta alla “salvezza” dei biancoazzurri

LEGGI: Grande festa in casa Akragas: i festeggiamenti di giocatori e tifosi – VIDEO

LEGGI: L’Akragas resta fra i “professionisti”, Giavarini: “meritata salvezza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.