fbpx
Politica

Iacolino: “Basta ipocrisie sui migranti, a Villaggio Mosè si restituisca serenità ai residenti”

“L’aver deciso di utilizzare un immobile di Villaggio Mosè per far trascorrere la quarantena a 70 migranti giunti non si sa come ad Agrigento, non è stata una bella idea”.

Lo afferma la consigliera comunale di Agrigento, Giorgia Iacolino che aggiunge:

“Per di più alla luce degli scontri che si sarebbero verificati nelle ultime ore e che hanno visto protagonisti alcuni migranti che nel frattempo si sarebbero pure dileguati. Al netto delle ipocrisie che caratterizzano l’approccio nei confronti dei migranti che,ove di provenienza tunisina, andrebbero immediatamente rimpatriati giacché detto Paese non è zona di guerra, non sembra mutare, al tempo del Coronavirus, il profilo buonista ed inadeguato del governo nazionale sulla migrazione irregolare. Per restituire serenità alle famiglie, ai giovani ed agli anziani del popoloso quartiere di Agrigento, il sindaco deve farsi carico immediatamente della responsabilità politica – conclude Giorgia Iacolino – relativa allo sgombero della struttura di accoglienza di Villaggio Mosè la cui permanenza risulta incompatibile, anche alla luce dei fatti incresciosi delle ultime ore che minano l’ordine pubblico, con la serena ed ordinata convivenza della comunità agrigentina di Villaggio Mosè”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.