fbpx
Cultura

Il Centro culturale Pasolini presenta “Agrigento. La città intima” di Angelo Pitrone

Scorci di città sconosciuti in scatti che si susseguono in una sequenza “forse labirintica?”, come scrive Giuseppe Pappalardo nella presentazione della mostra “Agrigento. La città intima” di Angelo Pitrone che si può visitare da oggi, e fino al 28 novembre prossimo, sul sito on line del Centro culturale Pasolini.

“In “Agrigento. La città intima” – afferma Angelo Pitrone – Non ho voluto raccontare una città scontata, attraverso immagini che non rappresentano monumenti o paesaggi, non la città del quotidiano, della propaganda turistica o della denuncia sociale ma frammenti di una città privata, una memoria intima, nascosta, che appartiene a piccoli dettagli”.

“Le ventidue fotografie di colore di Angelo Pitrone che compongono la mostra “Agrigento. La città intima” – afferma Maurizio Masone, presidente del Centro culturale Paolini – ritraggono scorci di Agrigento sconosciuti che rappresentano i sentimenti di coloro che la abitano, che l’hanno costruita. La mostra rientra tra le iniziative che hanno l’orizzonte del 28 novembre, giorno del 40° anniversario del Centro culturale Pasolini sperando di ritrovarci in presenza, tutti insieme, in questo spazio culturale che è la nostra città, il nostro centro”.

La mostra è visitabile all’indirizzo centroculturalepasolini.it

Sulla pagina Facebook del Centro culturale Pasolini, è già disponibile una video intervista del presidente del centro, Maurizio Masone a Angelo Pitrone, che consente di conoscere il “dietro le quinte” degli scatti che ritraggono la quotidianità di una città attraverso frammenti poco noti ma che rappresentano la vita stessa di Agrigento.

Da alcune settimane, inoltre, il “Pasolini” ha avviato una campagna di crowdfunding finalizzata a sostenere le attività del centro che da anni promuove la cultura ad Agrigento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.