fbpx
Regioni ed Enti Locali

Il giudice Rosario Livatino torna con la “Stanza della Memoria”. Boschi: “il nemico è la mafia” – VIDEO E FOTO

Inaugurata ad Agrigento la “Stanza della Memoria” in ricordo del giudice Rosario Livatino.

La stanza della memoria” è la camera, al primo piano dell’ex palazzo di giustizia di piazza Gallo, dove il giudice Rosario Livatino lavorò per dieci anni come sostituto procuratore della Repubblica.

Una stanza che genera memoria“. Così il Sindaco di Agrigento Lillo Firetto ha presentato quello che fu il luogo di lavoro del “Giudice Ragazzino” che da oggi diventa museo.

Oggi – afferma il Sindaco di Agrigento, Lillo Firetto – quella stanza, nel palazzo sede di uffici comunali,tornerà a vivere nella memoria di tutti noi, in ricordo del magistrato assassinato dalla mafia nel settembre del 1990. Abbiamo ricostruito la stanza com’era negli anni in cui Livatino lavorò alla Procura della Repubblica con la sua scrivania, i mobili, la vecchia macchina per scrivere e la toga“.

Presenti all’inaugurazione le più alte cariche civili e militari, politiche e del mondo della magistratura, ed in particolare chi, con Rosario Livatino ha lavorato per un mondo fatto di giustizia. 

Nel ricreare, in quello che fu il Palazzo di Giustizia di Agrigento, la stanza di Rosario Livatino, è stata fatta una certosina ricerca dei mobili che arredavano il luogo in cui questo “eroe normale che mirava alla giustizia” così come definito dal procuratore capo della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio, lavorava alacremente per lo Stato e la giustizia.

Ad onorare questo nuovo punto di riflessione in cui è densa l’aria di legalità respirata da Livatino, anche diversi studenti degli istituti della città, quasi ad inaugurare un nuovo punto fermo da visitare in cui riflettere e da cui trarre ispirazione.

Ognuno di noi dovrebbe fare lo sforzo della memoria, per prepararsi al Meglio per il futuro“. A pronunciare queste parole è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi. “Di quegli anni ricordo bene l’estate del ’92; vedendo le immagini dopo le stragi non riuscivo ad accettare l’idea anche se avevo 11 anni“. “Non ci si può rassegnare alla mafia stando zitti. Se le Istituzioni stanno insieme si può sconfiggere il nemico che è la mafia, perché c’è una squadra, quella della Stato!“.

Bisogna continuare a dire che la mafia esiste – sottolinea Maria Elena Boschi – e lo sanno bene chi si confronta giornalmente con questa realtà, ma dobbiamo sapere che esiste anche lo Stato e l’Italia. Potranno distruggere la stele dedicata a Livatino, la ricostruiamo perché lo Sato non arretra“.

Presenti all’inaugurazione anche il presidente del Tribunale di Agrigento, Pietro Maria Falcone, che ha evidenziato come oggi “i giovani rifiutano la mafia. Si affidano sempre più allo Stato e questi sono segnali per un futuro migliore“.

La “Stanza della Memoria” sarà visitabile dal pubblico, in particolar modo dalle scolaresche, ogni giorno su prenotazione.

(Guarda le videointerviste)

boschi-livatino img-20171007-wa0005 img-20171007-wa0006 img-20171007-wa0007 img-20171007-wa0008 img-20171007-wa0009 img-20171007-wa0010 img-20171007-wa0011 img-20171007-wa0012 img-20171007-wa0013 img-20171007-wa0014 img-20171007-wa0015 img-20171007-wa0016 img-20171007-wa0017 img-20171007-wa0018 img-20171007-wa0019 img-20171007-wa0020 img-20171007-wa0021 img-20171007-wa0022 img-20171007-wa0023 img-20171007-wa0024 img-20171007-wa0025 img-20171007-wa0026 img-20171007-wa0027 img-20171007-wa0028 img-20171007-wa0029 img-20171007-wa0030 img-20171007-wa0031 img-20171007-wa0032 img-20171007-wa0033 img-20171007-wa0034 img-20171007-wa0035 img-20171007-wa0036 img-20171007-wa0037 img-20171007-wa0038 img_7473 img_7474 img_7475 img_7476 img_7477 img_7478 img_7480 img_7482 img_7483 img_7484 img_7486 img_7487 img_7488 img_7489 img_7490 img_7491 img_7492 img_7496 img_7497 img_7498 img_7500 img_7502 img_7503 img_7504 img_7505 img_7506 img_7507 img_7508 img_7509 img_7511 img_7514 img_7515 img_7516 img_7517 img_7518 img_7519 img_7520 img_7521 img_7522 img_7523 img_7529 img_7530 img_7532 img_7533 img_7534 img_7535 img_7536 img_7537 img_7538 img_7540 img_7541 img_7542 img_7543 img_7544 img_7545 img_7546 img_7547 img_7548 img_7549 img_7550 img_7551 img_7552

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.