fbpx
Cultura

Il poeta licatese Lorenzo Peritore terzo classificato al Premio Letterario Nazionale “Poesie Sotto l’Albero – È Sempre Natale” con “Cucina e Tradizioni”

Sarà consegnato oggi sabato 26 gennaio 2019 alle 17 a Catania, presso l’Hotel Parco degli Aragonesi in viale Kennedy alla Plaia, il III° Premio Nazionale “Poesie sotto l’Albero- E’ sempre Natale” al poeta dialettale licatese Lorenzo Peritore.

Ennesimo riconoscimento per versi in siciliano in uno straordinario componimento intitolato “Cucina e Tradizioni” nella sezione poesia dialettale a tema libero. Lo ha deciso la Giuria composta da: Alessandro Giovanni Bulla, Giovanna Raeli, Silvio Breci, Flavia Cosentino e Nicola Stifano.

Un’ulteriore soddisfazione per il poeta licatese che negli ultimi anni ha collezionato numerosi premi per i suoi versi e che è autore di due pubblicazioni “Rimaniamo in Rima” (Bonanno Editore) e “Rime di Speranza” (Vitale Edizioni).
Lorenzo Peritore è ormai molto noto in Sicilia per la sua presenza in eventi culturali, non soltanto nella sua città natale Licata, dove è stato ospite fisso degli eventi “Autori in Piazzetta” e “LicatAutori”, ma anche nelle scuole dove viene invitato per far conoscere il dialetto siciliano ai più piccoli. Costante la sua presenza anche come docente al CUSCA, il Centro Universitario Socio Culturale Adulti di Licata, dove tiene delle lezioni durante l’anno accademico. I suoi componimenti sono pieni d’amore ma sono anche di denuncia verso il malcostume.

Ma Lorenzo Peritore ha una dote innata per la recitazione, passione che ha coltivato a più riprese nella sua vita, ma anche una grandissima dote quelle di saper essere molto ironico anche nella scrittura narrando storie e personaggi capaci di suscitare risate. Un premio meritato dunque per un licatese che ha saputo abbinare la passione per la poesia, il teatro e la cultura in genere con l’amore per la sua città Licata e per la Sicilia. E’ stato collaboratore anche del quindicinale “La Campana” ed collaboratore del mensile La Vedetta. Opinionista in trasmissioni televisive e ospite fisso nelle rassegne letterarie “Autori in Piazzetta” e “LicatAutori”.
Sta lavorando al suo terzo libro di poesia che potrebbe vedere la luce il prossimo anno.
Di seguito la poesia vincitrice:

CUCINA E TRADIZIONI

Abitudini e costumi,
usanzi e tradizioni,
leggendi, stori veri,
Cunfraterniti e prucissioni
Teatru, Ciesi, scavi,
libri antichi, manoscritti,
palazzi, centru Storicu,
curtigli e stratuzzi stritti
I ioca di na vota:
coculi, tricchi tracchi,
strummulu, firlazzeddu,
ammucciaredda, e bacchi
U dialettu sicilianu
pi picciotti d’oggi stranu,
ca era a lingua matri
prima ancora dill’italianu
Tutti tistimunianzi
di seculi di storia
scurdati e abbannunati
ni casciola da memoria
N’attra testimonianza
n’arriva da cucina,
a cucina di na vota,
sapurusa e ginuina
Na cucina per lo più
modesta e puvuredda
ma importanti quantu mai
pi incini i vudedda
E propriu a sta cucina
ia vogliu fari omaggiu
prisintannuvi un menù
comu a darivi n’assaggiu
M’arricordu ca a Natali
tra ‘mpanati, spinciuni e vinu
Natali u nni pariva
se un c’era u capuni cinu
Vinnivinu i favi cotti,
cosa oggi alquantu strana
e ogni tantu dintra a fava
ci truvavi a papazzana
I vuccera ni vaneddi,
na pignata, fora a porta,
vinnivinu u sangunazzu,
a trippa e a roba cotta
S’usava in ogni casa
duranti a stasciunata
di inciri i burnii
e sarvarli pa mmirnata
Ciappi, olivi, ciappareddi,
mulinciani, capunata,
sardi, angiovi, carciofina
e marema ‘ngiluppata
Cumpanaggiu ca a ddi tempi
in ogni situazioni
era duci comu u zucchiru
pirchì fattu cu passioni
L’ossu ca carni a sucu
era puru nu bellu piattu,
ma u sucu aviva a essiri
di sarsina e na nuci i strattu
A pasta a pisciteddu,
i brocculi affucati,
i sicci cini a sucu,
arenghi affumicati
A sarda bella frisca
arrustuta o ‘mpalavittata
o sannò fritta c’acitu
cu na bedda cipuddata
E u pani fattu in casa
a forma di guasteddi
ca quann’era bellu duru
sirviva a fari feddi
Oggi se arresta a pasta
ni sti tempi di ricchezza
s’abbia dintra u sacchettu
e si ietta na munnizza
E ma tempi era diversu
pirchì a pasta un si ittava,
si faciva fritta a sira
e furtuna co ci arrivava
Tutti quanti tradizioni
ca stan’ennu a scumpariri
p’un passatu ca oramai
sinn’ia già quasi a muriri
Pi furtuna i cochi bravi
di nova generazioni
stannu rispolverannu
ricetti e tradizioni
E allura vogliu augurari
in dialettu strittu :
bona furtuna e cochi
e a vattri ban’appitittu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.