fbpx
Salute

Il successo della dieta del supermetabolismo: ecco perché è amata dalle star

pomroyVentotto giorni per riattivare il metabolismo e perdere fino a 10 kg. È questo il segreto della dieta messa a punto dall’americana Haylie Pomroy (in foto), nutrizionista e autrice del famoso libro che sta facendo impazzire perfino le più celebri star: “La Dieta del Supermetabolismo” edito da Sperling&Kupfler.

Personaggi famosi, stelle del cinema, sportivi, gente comune e addirittura il sultano di Dubai, stanno seguendo i consigli della “donna che sussurra al metabolismo”, così come ama definirsi la stessa Pomroy. Il segreto? Niente più calorie da tenere sott’occhio e bilance. Il tutto è spiegato da Haylie Pomroy: “La dieta cronica finisce per logorare il metabolismo – afferma la dietologa di Hollywood -. Allenando in modo opportuno il metabolismo stimolerete meccanismi che, bruciando, costruendo e riparando, vi permetteranno di ottenere il massimo dai vostri sforzi“.

La strada da seguire si basa su semplici passi che stimoleranno il metabolismo, riattivando così l’organismo grazie ad una rotazione sistematica di precisi alimenti in giorni specifici (chiamate fasi) e in orari strategici. Seguendo questi cicli per almeno 28 giorni, il risultato è assicurato. È la stessa Pomroy a promettere di far perdere ben 10 chili in poco meno di un mese. Sembrerebbe un miraggio per molti, soprattutto donne sempre attente alla linea e al benessere, ma basta ascoltare le testimonianze di chi ha già avuto la fortuna di provare questo sistema, per credere al “miracolo”. E fra i personaggi famosi, basti citare Jennifer Lopez, Reese Witherspoon, Cher, Raquel Welch e Robert Downey Jr. La dieta si basa sulla capacità brucia-grassi di alcuni alimenti che sarebbero capaci di riattivare il metabolismo.

LE FASI | Una vera e propria “mania” basata su tre fasi e su 5 pasti al giorno: i tre principali (colazione, pranzo e cena) con, in più, due spuntini.
La prima fase (chiamata F1), della durata di due giorni, che ha il compito di calmare l’organismo e gli ormoni dallo stress e stimolarlo per bruciare i grassi piuttosto che accumularli. Si tratta di alimentarsi con cereali, proteine magre, frutta e tanta verdura.
La seconda fase (F2), anch’essa della durata di due giorni, l’organismo viene sottoposto ad un maggiore allenamento attraverso la trasformazione del grasso accumulato in muscoli. Proteine magre e verdure sono alla base della fase: pollo, tacchino, albumi, verdure alcanizzanti (meglio verdi) e quelle prive di amidi (peperoni rossi, cipolle e funghi), sono alla base della dieta della F2.
Infine abbiamo tre giorni di F3, l’ultima fase che consente di assumere grassi sani (olio extravergine di oliva, frutta secca ecc…) che ha il compito di alimentare cervello, libido, tiroide e surreni. Questa fase serve per liberare gli ormoni che bruciano l’adipe.

Unico accorgimento per le tre fasi, non assumere assolutamente caffeina, teina, latticini, zucchero, farina di grano, mais e soia. Quindi per gli amanti del caffè o del tè un vero e proprio sacrificio che però verrà ripagato con una splendida forma.

Le tre fasi complessivamente dovranno essere ciclicamente ripetute per un totale di quattro settimane (28 giorni): “In quattro settimane – conclude Haylie Pomroy – vedrai calare drasticamente il tuo peso, e non stupirti se il tuo colesterolo si abbasserà sensibilmente e il tasso glicemico si stabilizzerà; ritroverai l’energia, dormirai meglio e sentirai meno lo stress“.

Insomma, chi almeno una volta non ha sentito dire: “Che fortuna, mangia e non ingrassa. Sarà il metabolismo”. Bene, da oggi anche voi potrete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.