fbpx
Regioni ed Enti Locali

Il testimone di giustizia Cutrò minaccia di darsi fuoco: “i soldi per la benzina me li deve dare il Ministero”

ignazio cutròUna disperazione senza fine. E come dare torto all’imprenditore di Bivona, Ignazio Cutrò (in foto), che oggi ha minacciato di suicidarsi dandosi fuoco. La sua disperazione è contro quello Stato che avrebbe dovuto tutelarlo e che invece lo ha lasciato sommerso dai debiti.

Ignazio Cutrò è uno dei simboli degli imprenditori vessati da quel sistema mafioso del “pizzo”. Lui è uno dei pochi che si è ribellato ed ha sconfitto la “mafia” diventando testimone di giustizia. 

Oggi a Palermo, a piazza dei Tredici Vittime, luogo simbolo in cui si ricordano i caduti di mafia, Cutrò lancia un nuovo appello al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, agrigentino come lui “affinché insieme si possa mandare un messaggio forte contro la mafia: facciamo risorgere la mia azienda, ma lo Stato ci metta la faccia, invece di usarmi soltanto per le passerelle. La mia azienda è sopravvissuta alla mafia, ma è stata battuta dallo burocrazia dello Stato. Io ho scelto da che parte stare: ora sono gli altri che devono dare un segnale forte“.

Cutrò si è presentato con alcune taniche di benzina vuote: “I soldi per la benzina – evidenzia l’imprenditore – me li deve dare il Ministero per darmi fuoco“.

Rivolgendosi alle Istituzioni, Cutrò, aggiunge “Ci devono mettere la faccia. Se hanno coraggio mi riempiano le tniche e mi do fuoco, oppure ci diano delle risposte perchè i testimoni di giustizia sono ombre al buio“. 

Qualcuno si dimentica – tuona Cutrò – che siamo morti che camminiamo. La mafia non dimentica, aspetta che lo Stato, come oggi, mi lasciava venire da solo qui“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.