fbpx
Rubrica legis non est lex

Il Tribunale di Agrigento respinge un ricorso contro l’ASP di Agrigento: confermata posizione organizzativa

gigi rubinoIl dr. Gerlando Picarella, dipendente a tempo indeterminato dell’ASP di Agrigento, inquardato nel profilo professionale di Tecnico della Prevenzione nell’Ambiente e nei luoghi di lavoro, aveva adito il Tribunale di Agrigento per la

declaratoria di illegittimità del procedimento per il conferimento delle posizioni organizzative, e per l’attribuzione della posizione organizzativa di tecnico della prevenzione in luogo del Dr. Pietro Mazzarella, nonchè per il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti e subendi.

Il ricorrente in particolare aveva sostenuto l’illegittimità dell’atto deliberativo adottato dal Direttore Generale dell’ASP, avente ad oggetto il conferimento dell’incarico al controinteressato dr. Pietro Mazzarella, per non essere lo stesso assistito da adeguata motivazione; in subordine ordinando il riesame dell’istanza presentata dal ricorrente , con attribuzione della posizione organizzativa in favore del ricorrente medesimo. Si costituiva in giudizio il controinteressato Dr. Mazzarella Pietro, rappresentato e difeso dagli avvocati Girolamo Rubino (in foto) e Mario La Loggia, per chiedere il rigetto del ricorso.

In particolare gli avvocati Rubino e La Loggia hanno sostenuto che il controinteressato, da un esame del curriculum prodotto in atti, risultava avere acquisito una professionalità superiore rispetto a quella posseduta dal ricorrente; e che il Direttore Generale aveva assolto al proprio obbligo motivazionale espressamente affermando di avere affidato l’incarico al dr. Mazzarella per la professionalità acquisita e dimostrata nell’espletamento delle mansioni proprie e del profilo professionale di appartenenza.

Infine gli avvocati Rubino e La Loggia hanno citato precedenti giurisprudenziali secondo cui il sindacato che il Giudice è chiamato ad effettuare non può mai spingersi fino a riconoscre il diritto del candidato non prescelto ad avere conferito l’incarico cui aspira; e quindi difetta ogni potere del giudice di sostituirsi al datore di lavoro nella fase di scelta e conferimento dell’incarico al ricorrente.

Il Tribiunale di Agrigento, Sezione Lavoro, Giudice Dr.ssa Sara Monteleone, condividendo le eccezioni formulate dagli Avvocati Rubino e La Loggia, ha respinto il ricorso proposto dal Dr. Picarella, condannando quest’ultimo anche al pagamento delle spese giudiziali. In particolre il Giudice del Lavoro ha sottolineato l’insussistenza del diritto soggettivo del ricorrente al conferimento dell’incarico; “non apparendo, alla luce dei curricula prodotti, nè irragionevole nè inadeguata la scelta dell’Azienda di conferire l’incarico al Dr. Mazzarella”.

Pertanto, per effetto della sentenza resa dal Giudice del Lavoro, il Dr. Pietro Mazzarella manterrà la posizione organizzativa di Tecnica della prevenzione, mentre il Dr. Gerlando Picarella pagherà le spese giudiziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.