fbpx
Politica Regioni ed Enti Locali

Immigrazione e tentate violenze, Giorgia Meloni da Agrigento: “nel circuito culturale della sinistra, immigrato batte donna violentata ” – VIDEO

giorgia-meloniUna tentata violenza da parte di un gruppo di magrebini ad una donna a Lampedusa e l’assedio di circa 150 tunisini in piazza Stazione ad Agrigento.

Sono i temi affrontati anche dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, arrivata nella città dei Templi per mantenere alta l’attenzione sul tema della viabilità provinciale a partire dall’interruzione causata dall’abbattimento del Ponte Petrusa.

LEGGI ANCHE: Giorgia Meloni ad Agrigento per il Viadotto Petrusa: “Delrio, dove sono i soldi per le infrastrutture?” – FOTO E VIDEO

Giorgia Meloni, sempre attenta ai temi dell’immigrazione, ha affermato: “Che la situazione dell’immigrazione sia oramai fuori controllo non ho neanche più bisogno di dirlo. C’è una situazione di assoluta insicurezza e ingiustizia dei nostri cittadini. L’Italia, dopo la presentazione del DEF, nel 2018 spenderà 5 miliardi di euro per l’accoglienza degli immigrati. Soldi che serviranno per l’accoglienza di circa 500 mila persone. Nello stesso Stato per ad esempio quello che riguarda i portatori di handicap, che sono circa 4 milioni, e per queste persone lo Stato spende 400 milioni di euro; circa un decimo di quello speso per gli immigrati clandestini. Una situazione fuori controllo“.

Sul tema delle violenze – sottolinea Giorgia Meloni – penso che vada spesa una parola dopo che alcuni hanno preferito tacere. Nella gerarchia del circuito culturale della sinistra, bisogna essere solidale con la donna aggredita, ma non se l’aggressore è un immigrato; in questo corto circuito immigrato batte donna violentata“.

LEGGI ANCHE: Viadotto Petrusa, Giorgia Meloni da Agrigento si rivolge al ministro Delrio: “chiedi all’Anas di ricostruire il Ponte” – VIDEO

(Guarda la videointervista)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.