fbpx
Cronaca

Inchiesta “gioventù bruciata”, prime condanne

tribunale agrigentoPrime condanne per l’inchiesta “gioventù bruciata”.

Una vicenda come si ricorderà, risalente al 2009/2010, periodo in cui diversi ragazzi, agrigentini ed extracomunitari, avrebbero spacciato droga agli studenti minorenni dell’Istituto Nicolò Gallo e nella zona dello stadio Esseneto.

Per i sei imputati che hanno scelto la formula del rito abbreviato, che consente di avere ridotto di un terzo la pena, sono fioccate le prime condanne.

Nello specifico: Giuseppe Contrino, 3 anni; Fouard Haouari, 3 anni; Sergio Rotondo, 3 anni; Fasai Haouari, 2 anni e sei mesi; Salvatore Pietrone, 2 anni; Flavio Napoli, 4 mesi.

Rinvio a giudizio per il resto degli imputati che hanno optato per riti alternativi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.