fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali Spalla

Inchiesta “Waterloo”, Campione resta in carcere: 4 ai domiciliari

Resta in carcere l’imprenditore agrigentino Marco Campione, indagato nell’operazione denominata “Waterloo” che ha colpito gli ex vertici della società che gestisce il servizio idrico in provincia di Agrigento, Girgenti Acque.

Finiscono invece ai domiciliari altri quattro soggetti, mentre due tornano in libertà (nelle scorse ore un altro dei coinvolti è tornato libero dopo la decisione del gip di Taranto ndr).

Le ultime misure sono state decise dal Gip del Tribunale di Agrigento che per cinque dei sei indagati ha disposto misure cautelari non convalidando i fermi.

La misura cautelare in carcere resta per il solo Marco Campione. Per altri quattro indagati è stata ritenuta idonea l’applicazione degli arresti domiciliari con obbligo del braccialetto elettronico.

I sei indagati fermati ad Agrigento si erano tutti avvalsi della facoltà di non rispondere ad eccezione di uno solo che aveva respinto ogni accusa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.