fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

“L’accoglienza della Cultura”: il museo come veicolo di dialogo interculturale

Valorizzare il museo come veicolo di dialogo interculturale, partendo dal presente per esplorare il passato e immaginare il futuro.

È questo il significato della formazione per studenti italiani e stranieri, inserita del programma “L’accoglienza della Cultura. La Cultura dell’accoglienza”, che si è chiusa stamani al Museo Archeologico Regionale “Pietro Griffo” di Agrigento.

Gli incontri, che hanno coinvolto gli studenti del Liceo Scientifico “Leonardo” di Agrigento e i migranti minori non accompagnati ospiti degli Sprar di Agrigento e Raffadali, sono stati curati da Elisabetta Falchetti, Docente di Museologia e Museografia a “Sapienza Università”, ricercatore e Project manager “Eccom” e progettazione europea per storytelling e dal giornalista, scrittore e documentarista di geopolitica Luca Attanasio autore del libro: “Il Bagaglio. Storie e numeri del fenomeno dei migranti minori non accompagnati”.
La formazione, inoltre, è stata monitorata da Alessandro Romano e da Elisabetta di Giovanni, ricercatori di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione all’Università di Palermo.
Il progetto ha curato un laboratorio di narrazione che ha dedicato particolare attenzione alla narrazione autobiografica e interculturale e tecniche narrative del dialogo con i migranti. Lo storytelling, appunto, è una metodologia che usa la narrazione come mezzo creato dalla mente per inquadrare gli eventi della realtà e spiegarli secondo una logica di senso.
È stato, infine, attivato, un modulo formativo sulle migrazioni e politiche internazionali.
Ripensare, quindi, al ruolo del museo nella contemporaneità: un museo che sa parlare al pubblico, ma che ancora prima di parlare sa ascoltare, lasciandosi guidare dai bisogni e dalle attese delle persone che di questo presente e, soprattutto, di questo futuro sono e saranno i protagonisti.
“La formazione è andata benissimo valori e contenuti altissimi ed in linea con l’Europa”, ha affermato il responsabile della comunicazione di CoopCulture Leonardo Guarnieri, che ha continuato: “Da Agrigento è veramente partito un concetto nuovo di museo e contenuto. I ragazzi al “Griffo” hanno lavorato benissimo, sono stati loro a fare le visite e le presenteranno attraverso nuovi temi, Musica e Danza, Arte e Cultura, Linguaggio. Gli oggetti del museo hanno stimolato gli studenti a trarre dall’oggetto il massimo ed a presentarlo attraverso le loro sensazioni. Ad esempio alcuni vasi con danze dionisiache sono stati presentati anche attraverso la danza e la sua storia: tarantella per noi, ritmi per gli altri che, poi, sono stati fusi insieme”.

L’iniziativa, curata ed organizzata da CoopCulture per il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, in collaborazione con la Caritas – Migrantes e la partecipazione del Comune di Agrigento, finalizzata a promuovere i valori di una generazione aperta, dinamica, solidale e di un’Europa che sa accogliere, proseguirà con visite al museo, alla Valle dei Templi e Santa Maria dei Greci. Infine, in occasione della Festa del Mandorlo, l’accensione del Tripode ed il musical al Palacongressi per la regia di Marco Savatteri.

Luigi Mula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.