fbpx
Cronaca

Lampedusa chiede lo stato di emergenza dopo la furia del marrobbio

giusinicoliniDopo il marrobbio, a Lampedusa, si cerca di ripartire in primis dalla dichiarazione dello stato di emergenza. A deliberarlo la giunta comunale con in testa Giusi Nicolini (in foto).

Il primo cittadino delle Pelagie, verbale della Protezione civile alla mano, ha chiesto alla Regione anche il risarcimento dei danni subiti dai pescatori, che non hanno potuto svolgere il loro lavoro, e dai proprietari di imbarcazioni. A questo si aggiunge anche la richiesta di porre rimedio anche ai danni provocati al porto ed alla viabilità.

Intanto, nelle prossime ore, si cercheranno di recuperare i pescherecci, le imbarcazioni, il pontile affondato in seguito a questo devastante fenomeno naturale, o almeno ciò che ne rimane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.