fbpx
Animali Regioni ed Enti Locali

Lampedusa: inizia l’allestimento dell’ambulatorio veterinario pubblico, LAV e Comune insieme per i cani dell’isola

lampedusaParte la fase operativa del “Progetto Isola – Uno strumento di civiltà” che – grazie alla collaborazione tra LAV, Comune di Lampedusa e Linosa, Ordine dei Veterinari della Provincia di Palermo, ASP di Palermo, Corpo Forestale Regionale, IZS della Sicilia, Leishmania Center di Roma, e l’associazione locale “Il cuore ha quattro zampe” (www.ilcuoreha4zampeonlus.org) – permetterà di dare vita ad un modello di gestione efficace e permanente dei cani presenti sull’Isola di Lampedusa, attraverso la loro identificazione e sterilizzazione, l’accudimento dei cani vaganti sul territorio, l’adozionedegli stessi e una Campagna informativa destinata a turisti e cittadini: circa 130 i cani randagi dell’Isola ai quali LAV offrirà le necessarie cure.

Sono cominciate, infatti, le operazioni di allestimento dell’ambulatorio veterinario pubblico con le strumentazioni acquistate da LAV grazie alla generosità di un socio dell’Associazione.
Nei prossimi giorni inizieranno i sopralluoghi dei veterinari libero professionisti dell’Ordine dei medici veterinari di Palermo, che hanno offerto la propria disponibilità, insieme ai volontari dell’Associazione “Il cuore a 4 zampe”: i veterinari svolgeranno il triage medico sul campo per individuare tempestivamente i cani che presentano patologie, li visiteranno e valuteranno il loro stato di salute in vista delle sterilizzazioni, che saranno effettuate dai veterinari dell’Asp di Palermo, contestualmente all’identificazione dei cani con microchip. I veterinari IZS della Sicilia e del Leishmania Center di Roma, invece, saranno in campo per realizzare un piano di monitoraggio e controllo della leishmania.

Per informare cittadini e turisti, inoltre, da oggi sono in distribuzione presso l’aeroporto, il porto e nelle vie di Lampedusa, i volantini (in italiano ed in inglese) che descrivono il progetto e forniscono alcuni consigli a turisti e cittadini per una corretta convivenza e interazione con i cani. Uno stand dell’Associazione “Il cuore a 4 zampe”, infine, sarà presente nella zona pedonale dell’isola tutte le sere, ed i volontari saranno a disposizione di chiunque voglia chiarimenti o voglia proporsi per adottare un cane.

“Il Comune di Lampedusa e Linosa ha a cuore il destino dei cani presenti sull’isola – dice Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa – e vuole porre in essere qualsiasi azione funzionale a garantirne il benessere, un buono stato di salute e l’eventuale adozione. L’allestimento dell’ambulatorio veterinario è solo il primo passo di una serie di attività previste. Il progetto in essere con LAV costituisce uno strumento importante di prevenzione e lotta al randagismo canino sull’isola di Lampedusa e prevede l’utilizzo strategico delle risorse umane ed economiche a disposizione dell’amministrazione comunale con il fine di garantire il benessere degli animali, l’adozione o la serena convivenza con i cittadini”.

Per Gianluca Felicetti, Presidente LAV, “con l’allestimento dell’ambulatorio veterinario prende finalmente forma un progetto innovativo, completo e duraturo che ci auguriamo faccia da capofila per iniziative analoghe, reso possibile dalla sinergia e disponibilità dei soggetti istituzionali (Comune, ASP veterinaria e IZS di Palermo, gli Ordini veterinari di Palermo e Agrigento) assieme al volontariato, per affrontare in modo concreto il fenomeno del randagismo”.

“Questi sono solo i primi passi di un progetto ben più complesso che ci vedrà impegnati sull’isola anche durante il 2019 – aggiunge Federica Faiella, responsabile LAV Area Adozioni – tutti gli interventi sono funzionali a garantire il controllo delle nascite della popolazione canina, la convivenza tra cittadini, turisti e cani, il corretto accudimento degli stessi e, dove possibile le adozioni. Per far questo saranno posizionati sul territorio dispenser di cibo e acqua che saranno riempiti due volte al giorno dai volontari. Il nostro educatore cinofilo Mirko Zuccari, inoltre, ha già iniziato la valutazione dei cani per verificarne l’idoneità all’adozione, o procedere al recupero per quei soggetti che presentino dei problemi comportamentali”.
Il Sindaco del Comune di Lampedusa e Linosa ha poi emanato un’Ordinanza per disciplinare l’accesso e l’uscita dei cani sull’isola solo se identificati; LAV ha donato al Comune 4 lettori microchip a disposizione dei volontari, dei medici veterinari e delle Forze di Polizia. In autunno, infine, LAV darà il via ai corsi di formazione destinati alle Forze di Polizia, agli addetti ai lavori, ai cittadini, e cominceranno le attività di informazione e sensibilizzazione destinate agli alunni delle scuole primarie dell’isola.

Per maggiori informazioni visita la pagina di www.lav.it dedicata ai randagi di Lampedusa e per adottare potete scrivere a adozioni@lav.it”.